Il Nazionalista - Quotidiano di libera informazione - ilNazionalista.it

Segui ilNazionalista.it con il Feed RSS

MELA MARCIA AL VERTICE DI REGIONE LOMBARDIA: IL VICE PRESIDENTE MANTOVANI IN MANETTE (GARAVAGLIA ACCUSATO, MA LE PROVE?)

martedì 13 ottobre 2015

MILANO - Ci sono appalti truccati relativi al trasporto di malati dializzati, assegnati quando Mario Mantovani era assessore alla Sanità del Pirellone, e gare pilotate relative alla ristrutturazione di alcune scuole di Arconte, di cui il politico Pdl è stato sindaco fino al maggio 2014 al centro dell'inchiesta coordinata dal procuratore Giulia Perrotti e dal pm Giovanni Polizzi che ha portato al suo arresto, insieme al suo braccio destro Giacomo Di Capua e di Angelo Bianchi, ingegnere che lavorava la Provveditorato Interregionale per le Opere Pubbliche per al Lombardia e la Liguria. Tra gli illeciti commessi da Mantovani, ci sono anche, secondo la Procura, diversi profili di concussione.

L'assessore regionale ed ex parlamentare avrebbe fatto pressioni perché Angelo Bianchi, arrestato nell'ambito di un'inchiesta della Procura di Sondrio, non avesse conseguenze dall'inchiesta e una volta rientrato al lavoro, recuperasse le sue funzioni, nonostante il Provveditore Pietro Baratono si opponesse e nonostante l'ingegner Alfio Leonardi, dirigente del ministero Infrastrutture e Trasporti in servizio presso il Provveditorato per le Opere Pubbliche, avesse dato disposizioni affinché Bianchi non venisse reintegrato. L'inchiesta è partita proprio dalla denuncia dell'ingegner Leonardi, che notando le irregolarità, ha deciso di presentare un esposto in Procura. Tra i reati contestati all'ex vicepresidente della Regione Lombardia, che attualmente detiene la delega alle Relazioni Internazionali del Pirellone, c'è anche la corruzione.

Mantovani, infatti, avrebbe ottenuto che i lavori di ristrutturazione di alcuni immobili di sua proprietà venissero realizzati da un architetto, che in cambio avrebbe ottenuto alcuni incarichi pubblici e vinto alcune gare d'appalto. Nell'elenco sono finiti anche la casa di riposo Opera Pia Castiglioni a Cormano e la struttura di Casorezzo, di cui Mantovani è socio, appartamenti e uffici ad Arconate, la cascina dove abita il politico e immobili di alcuni familiari. I reati contestati dal giugno 2012 al giugno 2014 ma, da quanto si apprende, al centro dell'indagine ci sarebbero anche episodi più recenti che hanno reso necessarie le esigenze cautelari.

Tra i 13 indagati nell'ambito dell'inchiesta milanese, coordinata dal procuratore aggiunto Giulia Perrotti e dal pm Giovanni Polizzi, che ha portato all'aresto dell'ex assessore alla sanità al Pirellone Mario Mantoviani e di altre due persone, c'è anche l'attuale assessore all'Economia del Pirellone Massimo Garavaglia. Le accuse, formulate dal procuratore aggiunto Giulia Perrotti e del pm Giovanni Polizzi a seguito di un'indagine del Nucleo di Polizia Tributaria della Guardia di Finanza, sono di corruzione, concussione e turbativa d'asta anche se, da quanto si apprende, nel corso dell'inchiesta, che abbraccia un periodo che va dal giugno 2012 al giugno 2014, non sarebbero stati documentati passaggi di denaro.

In sostanza, Massimo Garavaglia è sotto inchiesta per corruzione, concussione e turbativa d'asta, ma non esistono prove materiali che lo dimostrino, mancando tracce di passaggi di denaro che darebbero senso e corpo alle accuse, nonostante - si può tranquillamente presumere - le approfondite indagini della Guardia di Finanza al suo riguardo, certamente svolte con il massimo impegno prima dell'esplosione - stamattina - del nuovo scandalo tangenti in Lombardia.

Redazione Milano.


MELA MARCIA AL VERTICE DI REGIONE LOMBARDIA: IL VICE PRESIDENTE MANTOVANI IN MANETTE (GARAVAGLIA ACCUSATO, MA LE PROVE?)


Cerca tra gli articoli che parlano di:

REGIONE   LOMBARDIA   CORRUZIONE   MANTOVANI   FORZA   ITALIA   GARAVAGLIA   LEGA   TRIBUNALE   PROCURA   MILANO    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
ACCORDO M5S-LEGA SU SICUREZZA: ''SEQUESTRO E CONFISCA NAVI CHE ENTRANO IN ACQUE ITALIANE A FRONTE DIVIETO''

ACCORDO M5S-LEGA SU SICUREZZA: ''SEQUESTRO E CONFISCA NAVI CHE ENTRANO IN ACQUE ITALIANE A FRONTE

giovedì 18 luglio 2019
Le navi confiscate perché entrate in acque territoriali italiane a fronte di un divieto di ingresso delle autorità potranno essere vendute. Lo prevede una riformulazione di vari
Continua
 
FRANKFURTER ALLGEMEINE ZEITUNG OGGI IN PRIMA PAGINA: ''SALVINI VUOLE RIPRISTINARE LA GLORIA E L'ONORE DELL'ITALIA''

FRANKFURTER ALLGEMEINE ZEITUNG OGGI IN PRIMA PAGINA: ''SALVINI VUOLE RIPRISTINARE LA GLORIA E

martedì 16 luglio 2019
BERLINO - Fa una certa impressione, se si pensa che oggi campeggiava sulla prima pagina del principale quotidiano tedesco. "Con le sue politiche, il vicepresidente del Consiglio Matteo Salvini,
Continua
SOCIETA' MULTIRAZZIALE PROVOCA SOLO DANNI. L'ESEMPIO? PARIGI MESSA A FERRO E FUOCO DA BANDE DI MUSULMANI ALGERINI

SOCIETA' MULTIRAZZIALE PROVOCA SOLO DANNI. L'ESEMPIO? PARIGI MESSA A FERRO E FUOCO DA BANDE DI

lunedì 15 luglio 2019
LONDRA - Per capire il perche' la societa' multirazziale provoca solo danni basta guardare cosa succede in Francia dove immigrati musulmani di seconda e terza generazione trovano sempre delle scuse
Continua
 
INCHIESTA /  ABBIAMO FATTO LA ''SPENDING REVIEW'' ALLA UE COMINCIANDO DAL PARLAMENTO CHE COSTA 2 MILIARDI DI EURO L'ANNO!

INCHIESTA / ABBIAMO FATTO LA ''SPENDING REVIEW'' ALLA UE COMINCIANDO DAL PARLAMENTO CHE COSTA 2

lunedì 15 luglio 2019
Una strana cortina pare scesa sull’unione europea: provate a digitare sui motori di ricerca “sprechi ue”, “sprechi dell’unione europea”, “inchiesta sugli
Continua
MA GUARDA: BANCHE D'AFFARI ANGLO-TEDESCHE VOLEVANO COMPRARE PETROLIO DAI RUSSI, ALTRO CHE SAVOINI (LETTERA FIRMATA)

MA GUARDA: BANCHE D'AFFARI ANGLO-TEDESCHE VOLEVANO COMPRARE PETROLIO DAI RUSSI, ALTRO CHE SAVOINI

sabato 13 luglio 2019
 "Apprendo con stupore dagli organi di stampa che questo incontro avrebbe indotto una Procura del Repubblica ad avviare una inchiesta per reati come corruzione internazionale o finanziamento
Continua
 
CLAMOROSO / MACRON ARMA LE MILIZIE ISLAMICHE IN LIBIA! ALTRO CHE ''PACIFICAZIONE''! MACRON ALIMENTA LA GUERRA CIVILE

CLAMOROSO / MACRON ARMA LE MILIZIE ISLAMICHE IN LIBIA! ALTRO CHE ''PACIFICAZIONE''! MACRON ALIMENTA

mercoledì 10 luglio 2019
Cosa ci facevano quattro missili anticarro Javelin "made in Usa" acquistati dalla Francia nel 2010 nel Comando del generale Khalifa Haftar a sud di Tripoli? E' questa la domanda che emerge dopo lo
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
LE SOLITE BANDE ROSSE SFASCIATUTTO HANNO DEVASTATO PEZZI DEL CENTRO DI MILANO. ''COMPAGNI CHE SBAGLIANO'' VERSIONE 2015

LE SOLITE BANDE ROSSE SFASCIATUTTO HANNO DEVASTATO PEZZI DEL CENTRO DI MILANO. ''COMPAGNI CHE
Continua

 
LO SCANDALO DEGLI ARRESTI IN VATICANO ARRIVA FINO A PARIGI: LE MONDE PUBBLICA UN ARTICOLO AL VETRIOLO SULLA SANTA SEDE.

LO SCANDALO DEGLI ARRESTI IN VATICANO ARRIVA FINO A PARIGI: LE MONDE PUBBLICA UN ARTICOLO AL
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!