Il Nazionalista - Quotidiano di libera informazione - ilNazionalista.it

Segui ilNazionalista.it con il Feed RSS

MELA MARCIA AL VERTICE DI REGIONE LOMBARDIA: IL VICE PRESIDENTE MANTOVANI IN MANETTE (GARAVAGLIA ACCUSATO, MA LE PROVE?)

martedì 13 ottobre 2015

MILANO - Ci sono appalti truccati relativi al trasporto di malati dializzati, assegnati quando Mario Mantovani era assessore alla Sanità del Pirellone, e gare pilotate relative alla ristrutturazione di alcune scuole di Arconte, di cui il politico Pdl è stato sindaco fino al maggio 2014 al centro dell'inchiesta coordinata dal procuratore Giulia Perrotti e dal pm Giovanni Polizzi che ha portato al suo arresto, insieme al suo braccio destro Giacomo Di Capua e di Angelo Bianchi, ingegnere che lavorava la Provveditorato Interregionale per le Opere Pubbliche per al Lombardia e la Liguria. Tra gli illeciti commessi da Mantovani, ci sono anche, secondo la Procura, diversi profili di concussione.

L'assessore regionale ed ex parlamentare avrebbe fatto pressioni perché Angelo Bianchi, arrestato nell'ambito di un'inchiesta della Procura di Sondrio, non avesse conseguenze dall'inchiesta e una volta rientrato al lavoro, recuperasse le sue funzioni, nonostante il Provveditore Pietro Baratono si opponesse e nonostante l'ingegner Alfio Leonardi, dirigente del ministero Infrastrutture e Trasporti in servizio presso il Provveditorato per le Opere Pubbliche, avesse dato disposizioni affinché Bianchi non venisse reintegrato. L'inchiesta è partita proprio dalla denuncia dell'ingegner Leonardi, che notando le irregolarità, ha deciso di presentare un esposto in Procura. Tra i reati contestati all'ex vicepresidente della Regione Lombardia, che attualmente detiene la delega alle Relazioni Internazionali del Pirellone, c'è anche la corruzione.

Mantovani, infatti, avrebbe ottenuto che i lavori di ristrutturazione di alcuni immobili di sua proprietà venissero realizzati da un architetto, che in cambio avrebbe ottenuto alcuni incarichi pubblici e vinto alcune gare d'appalto. Nell'elenco sono finiti anche la casa di riposo Opera Pia Castiglioni a Cormano e la struttura di Casorezzo, di cui Mantovani è socio, appartamenti e uffici ad Arconate, la cascina dove abita il politico e immobili di alcuni familiari. I reati contestati dal giugno 2012 al giugno 2014 ma, da quanto si apprende, al centro dell'indagine ci sarebbero anche episodi più recenti che hanno reso necessarie le esigenze cautelari.

Tra i 13 indagati nell'ambito dell'inchiesta milanese, coordinata dal procuratore aggiunto Giulia Perrotti e dal pm Giovanni Polizzi, che ha portato all'aresto dell'ex assessore alla sanità al Pirellone Mario Mantoviani e di altre due persone, c'è anche l'attuale assessore all'Economia del Pirellone Massimo Garavaglia. Le accuse, formulate dal procuratore aggiunto Giulia Perrotti e del pm Giovanni Polizzi a seguito di un'indagine del Nucleo di Polizia Tributaria della Guardia di Finanza, sono di corruzione, concussione e turbativa d'asta anche se, da quanto si apprende, nel corso dell'inchiesta, che abbraccia un periodo che va dal giugno 2012 al giugno 2014, non sarebbero stati documentati passaggi di denaro.

In sostanza, Massimo Garavaglia è sotto inchiesta per corruzione, concussione e turbativa d'asta, ma non esistono prove materiali che lo dimostrino, mancando tracce di passaggi di denaro che darebbero senso e corpo alle accuse, nonostante - si può tranquillamente presumere - le approfondite indagini della Guardia di Finanza al suo riguardo, certamente svolte con il massimo impegno prima dell'esplosione - stamattina - del nuovo scandalo tangenti in Lombardia.

Redazione Milano.


MELA MARCIA AL VERTICE DI REGIONE LOMBARDIA: IL VICE PRESIDENTE MANTOVANI IN MANETTE (GARAVAGLIA ACCUSATO, MA LE PROVE?)


Cerca tra gli articoli che parlano di:

REGIONE   LOMBARDIA   CORRUZIONE   MANTOVANI   FORZA   ITALIA   GARAVAGLIA   LEGA   TRIBUNALE   PROCURA   MILANO    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
POLONIA SLOVACCHIA UNGHERIA E REPUBBLICA CECA: NON ACCOGLIEREMO MAI MIGRANTI CHE LA UE VORREBBE IMPORCI. PUNTO E BASTA

POLONIA SLOVACCHIA UNGHERIA E REPUBBLICA CECA: NON ACCOGLIEREMO MAI MIGRANTI CHE LA UE VORREBBE

giovedì 14 dicembre 2017
BRUXELLES - Slovacchia, Polonia, Repubblica Ceca e Ungheria (noti anche come "Paesi Vysegrad") sono pronti a dare tutto il contributo economico possibile all'Italia, ma non accetteranno mai
Continua
 
INCHIESTA / MEDICI INGEGNERI ARCHITETTI: ITALIA ULTIMA IN EUROPA PER STIPENDI E COSI' LA NOSTRA MEGLIO GIOVENTU' NE VA!

INCHIESTA / MEDICI INGEGNERI ARCHITETTI: ITALIA ULTIMA IN EUROPA PER STIPENDI E COSI' LA NOSTRA

martedì 12 dicembre 2017
Nel 2016, ben 124.000 italiani sono emigrati all’estero e di questi il 39% aveva tra i 18 ed 34 anni, per la maggior parte con titolo di studio qualificato. Come mai una simile emorragia di
Continua
SCONTRO FRONTALE UNGHERIA - UE: PARLAMENTO DI BUDAPEST VOTA RISOLUZIONE CONTRO L'INACCETABILE IMPOSIZIONE DI MIGRANTI

SCONTRO FRONTALE UNGHERIA - UE: PARLAMENTO DI BUDAPEST VOTA RISOLUZIONE CONTRO L'INACCETABILE

martedì 12 dicembre 2017
BUDAPEST - Il parlamento ungherese ha approvato oggi la risoluzione che condanna la decisione del Parlamento europeo sulla riforma del sistema di asilo. Lo riferisce l'agenzia slovacca "Tasr" citando
Continua
 
CATALOGNA: I SONDAGGI DANNO LA VITTORIA AL BLOCCO DI PARTITI INDIPENDENTISTI. RAJOY CHE FARA'? UN BEL GOLPE FRANCHISTA?

CATALOGNA: I SONDAGGI DANNO LA VITTORIA AL BLOCCO DI PARTITI INDIPENDENTISTI. RAJOY CHE FARA'? UN

martedì 12 dicembre 2017
BARCELLONA - La trategia repressiva decisa dal governo Rajoy contro la Catalogna si sta trasformando in un boomerang micidiale per Madrid. Il gruppo di partiti indipendentisti molto probabilmente
Continua
IL MINISTRO DELL'INTERNO TEDESCO ACCUSA LA CHIESA CATTOLICA: NASCONDE CLANDESTINI CHE INVECE DEVONO ESSERE ESPULSI

IL MINISTRO DELL'INTERNO TEDESCO ACCUSA LA CHIESA CATTOLICA: NASCONDE CLANDESTINI CHE INVECE DEVONO

martedì 12 dicembre 2017
BERLINO - Il ministro dell'Interno tedesco, il cristiano democratico Thomas de Maizière (della Cdu, partito di orientamento cristiano simile alla vecchia Dc italiana), in un'intervista
Continua
 
TRIONFO NAZIONALISTA ALLE ELEZIONI AMMINISTRATIVE IN CORSICA: 56,5% ALLA COALIZIONE NAZIONALISTA. GOVERNERA' DA SOLA

TRIONFO NAZIONALISTA ALLE ELEZIONI AMMINISTRATIVE IN CORSICA: 56,5% ALLA COALIZIONE NAZIONALISTA.

lunedì 11 dicembre 2017
AJACCIO - I nazionalisti in Corsica hanno stravinto le elezioni amministrative e, con in mano le chiavi della nuova "collettività territoriale unica" chiedono ora al governo di "fare bene i
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
LE SOLITE BANDE ROSSE SFASCIATUTTO HANNO DEVASTATO PEZZI DEL CENTRO DI MILANO. ''COMPAGNI CHE SBAGLIANO'' VERSIONE 2015

LE SOLITE BANDE ROSSE SFASCIATUTTO HANNO DEVASTATO PEZZI DEL CENTRO DI MILANO. ''COMPAGNI CHE
Continua

 
LO SCANDALO DEGLI ARRESTI IN VATICANO ARRIVA FINO A PARIGI: LE MONDE PUBBLICA UN ARTICOLO AL VETRIOLO SULLA SANTA SEDE.

LO SCANDALO DEGLI ARRESTI IN VATICANO ARRIVA FINO A PARIGI: LE MONDE PUBBLICA UN ARTICOLO AL
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!