Il Nazionalista - Quotidiano di libera informazione - ilNazionalista.it

Segui ilNazionalista.it con il Feed RSS

''LA PARTE GIUSTA DEL PONTE SULLO STRETTO'' - Inizia la collaborazione di Aldo Sarullo, scrittore e drammaturgo siciliano.

mercoledì 16 settembre 2015

Può il ponte sullo Stretto di Messina essere un’arma contro Cosa nostra? Imbocchiamo una via diversa.E partiamo da una parola usata mille volte: antimafia. 

Spogliamola. Che c’è sotto? Troviamo una folla di significati. In prima linea troviamo l’azione dello Stato contro la criminalità organizzata; poi scorgiamo il gruppo di coloro che, nella personale attività lavorativa, operano contro la mafia diffondendo esempi e valori civili; accanto vi è il gruppone di coloro che  “ci campano”, cioè di coloro che, pur divulgando concetti costruttivi delle coscienze, hanno il limite di non avere propria identità senza la mafia e di doverla di conseguenza vedere anche quando e dove non c’è; infine, come nuova antimafia, ecco la via diversa e cioè gli elementi di rottura ideologica, che conducano da contro la mafia a senza la mafia. 

Esistono parole che possiamo definire assorbenti, il cui concetto, cioè, ne evoca e ne contiene un altro. La parola mafia evoca e contiene la Sicilia e di conseguenza la parola Sicilia proietta l’ombra permanente della mafia. Parlare di Sicilia e tralasciare la mafia, infatti, è tanto inaccettato che è ritenuto da chi “campa” di antimafia una colpa a volte grave. Due esempi paradossali tra i tanti: il primo è quello della produzione cinematografica americana che girava un film in provincia di Trapani e che finì sui giornali come vittima del “pizzo”soltanto perché tra i curiosi delle star vi era un boss locale; il secondo è quello della notizia data da un importante telegiornale  che annunciò l’archiviazione, perché “rimasti ignoti gli autori del fatto”, di un’indagine giudiziaria per un omicidio  “compiuto in provincia di Palermo dalla mafia”.  

In Sicilia, quindi, se un boss si aggira dalle parti di una bella attrice si tratta sicuramente di estorsione e se un uomo viene ammazzato si tratta di omicidio mafioso, anche se non si sa chi sia stato ad uccidere. Due esempi tra mille di mal riposto scrupolo antimafia, cioè di messa in sicurezza della coscienza ufficiale.

La parola mafia, dunque, è assorbente di ciò che avviene in Sicilia. Il che dà a Cosa nostra molti vantaggi sia in termini di potenza che di ineluttabilità. Ma così va ancora il mondo e chi non si adegua è accusato, quanto meno, di insensibilità culturale. O peggio.

Viviamo, però, sia in un tempo in cui l’attività degli inquirenti ha trovato il giusto passo ed ha assicurato alle galere i vertici criminali siciliani sia in un tempo in cui parti importanti della società hanno trovato il coraggio di schierarsi contro e resistere alle pressioni mafiose. Viviamo cioè in un tempo in cui  è lecito sperare che l’obiettivo liberatorio di Falcone, Borsellino e di altri eroi civili possa essere centrato.

S'è tornato a discutere del ponte sullo stretto di Messina, opera enorme che certamente farebbe gola ai criminali. Non vi è dubbio.

Come non vi è dubbio che uno Stato che crede in una simile intrapresa non può arrendersi dinanzi  al rischio, ma anzi deve affrontarlo e batterlo per affermare le proprie primazìa e civiltà. 

Ma che c’entra il ponte di Messina con l’antimafia? Come si collega alla rottura ideologica per transitare da contro la mafia a senza la mafia? 

Io credo che se lo Stato e la società, oggi molto più forti che in passato, manterranno questa statura, sarà utilissima la prevalenza di un’altra parola assorbente, un’altra parola che, come sino ad oggi la mafia, evochi e contenga la parola Sicilia. Una parola che divenga la sua nuova ombra e che, di conseguenza, depotenzi l’ombra precedente costituita dalla mafia: la parola “ponte”. 

Quanti sapremmo descrivere Brooklyn senza il suo ponte e quanti l’Egitto senza le piramidi? 

Parole e immagini, quindi entità pensate, che ci relazionano con un luogo e ce ne danno il sapore prevalente. Invece il sapore prevalente della Sicilia oggi è la mafia. Ma se domani fosse il ponte sullo Stretto a identificare la Sicilia in cui  lo Stato e la società seguitino ad essere sempre più forti e protagonisti, la mafia diverrebbe sempre più piccola e la Sicilia sempre più libera. 

Dunque un ponte tra le due Sicilie. Quella antimafia di oggi e quella senza mafia di domani. Nell'interesse di tutti, dal Sud al Nord.

Aldo Sarullo

 


''LA PARTE GIUSTA DEL PONTE SULLO STRETTO'' - Inizia la collaborazione di Aldo Sarullo, scrittore e drammaturgo siciliano.


Cerca tra gli articoli che parlano di:

PONTE   STRETTO   MESSINA   BROOKLYN   PIRAMIDI   EGITTO   ANTIMAFIA   SICILIA   MAFIA   NORD   SUD    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
TUTTI I SONDAGGI INDICANO IL TRACOLLO PD. LA PARTITA DELLE POLITICHE SI GIOCHERA' TRA CENTRODESTRA E M5S (ECCO I DATI)

TUTTI I SONDAGGI INDICANO IL TRACOLLO PD. LA PARTITA DELLE POLITICHE SI GIOCHERA' TRA CENTRODESTRA

venerdì 24 novembre 2017
La china discendente del Pd risale a circa un mese fa e sembra aver subito una netta accelerazione da due settimane a questa parte, ossia dalle elezioni regionali in Sicilia di inizio novembre.
Continua
 
400.000 RISPARMIATORI HANNO PERSO TUTTO PER COLPA DELLE BANCHE DI AREA PD E RENZI FA IL PALADINO DEI ROVINATI (DA LUI!)

400.000 RISPARMIATORI HANNO PERSO TUTTO PER COLPA DELLE BANCHE DI AREA PD E RENZI FA IL PALADINO

giovedì 9 novembre 2017
Il fallimento elettorale del pd in Sicilia, del quale il “bomba” fiorentino ha incolpato tutti tranne che l’unico responsabile, ovvero sé stesso, è lo specchio del
Continua
TRAFFICANTI LIBICI, GANGSTER MALTESI, MAFIA SICILIANA: ECCO LA PIOVRA DEL PETROLIO CLANDESTINO CHE ARRIVA DALLA LIBIA

TRAFFICANTI LIBICI, GANGSTER MALTESI, MAFIA SICILIANA: ECCO LA PIOVRA DEL PETROLIO CLANDESTINO CHE

mercoledì 18 ottobre 2017
Sono state arrestate  nove persone nell'ambito dell'operazione coordinata dalla Procura di Catania e condotta dalla Guardia di finanza che ha stroncato un vasto traffico di gasolio dalla Libia
Continua
 
IL PRESIDENTE TRUMP ALL'ONU: ''GLI STATI-NAZIONE RESTANO IL VEICOLO MIGLIORE PER L'ELEVAZIONE DELLA CONDIZIONE UMANA''

IL PRESIDENTE TRUMP ALL'ONU: ''GLI STATI-NAZIONE RESTANO IL VEICOLO MIGLIORE PER L'ELEVAZIONE DELLA

mercoledì 20 settembre 2017
NEW YORK - Il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, ha minacciato di radere al suolo la Corea del Nord, se quest'ultima dovesse intraprendere azioni offensive contro gli Usa o i loro alleati
Continua
LA ''GUERRA DEI ROMPIGHIACCIO'' AL POLO NORD: ASSALTO DI CINA RUSSIA E STATI UNITI ALLE RISORSE DI UN LUOGO INCONTAMINATO

LA ''GUERRA DEI ROMPIGHIACCIO'' AL POLO NORD: ASSALTO DI CINA RUSSIA E STATI UNITI ALLE RISORSE DI

martedì 5 settembre 2017
Il rompighiaccio della Guardia costiera statunitense Uscgc Healy da 16.400 tonnellate di dislocamento, uno dei due soli rompighiaccio polari in servizio nelle Forze armate Usa, manovra al centro di
Continua
 
COSA NOSTRA HA UCCISO PAOLO BORSELLINO E LO HA RESO UN EROE IMMORTALE, ESEMPIO DI RETTITUDINE E CORAGGIO PER TUTTI NOI

COSA NOSTRA HA UCCISO PAOLO BORSELLINO E LO HA RESO UN EROE IMMORTALE, ESEMPIO DI RETTITUDINE E

mercoledì 19 luglio 2017
Riportiamo - parola per parola - l'ultimo intervento pubblico del giudice Paolo Borsellino, la sera del  25 giugno del 1992, quando decise di partecipare ad un dibattito organizzato da Micromega
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
UN BARBONE SI FERMA A SUONARE UN PIANOFORTE PER STRADA (MESSO LI' DAL COMUNE) E DIVENTA UNA STAR DEL WEB (FANTASTICO!)

UN BARBONE SI FERMA A SUONARE UN PIANOFORTE PER STRADA (MESSO LI' DAL COMUNE) E DIVENTA UNA STAR
Continua

 
PER RIFLETTERE / ''L'ITALIA E' MOLTO PATRIA E POCO NAZIONE'' - di Aldo Sarullo, scrittore e drammaturgo siciliano.

PER RIFLETTERE / ''L'ITALIA E' MOLTO PATRIA E POCO NAZIONE'' - di Aldo Sarullo, scrittore e
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!