Il Nazionalista - Quotidiano di libera informazione - ilNazionalista.it

Segui ilNazionalista.it con il Feed RSS

LA GERMANIA CANCELLA SCHENGEN E CHIUDE LE FRONTIERE: INVIATI CENTINAIA DI POLIZIOTTI AI CONFINI LA UE STA PER FINIRE.

domenica 13 settembre 2015

Altri 14 Aylan, altri 14 bambini muoiono nel naufragio di un barcone di migranti che si e' rovesciato nell'Egeo, cercando di raggiungere un'isola greca dalla vicinissima Turchia. Tra loro, quattro neonati. E' lo choc di una domenica in cui anche la Cancelliera Angela Merkel che una settimana fa aveva aperto le frontiere ai rifugiati cambia radicalmente posizione e fa saltare la libera circolazione nella Ue chiudendo le frontiere e inviando centinaia di poliziotti proprio in queste ore per presidiarle.

La Germania non puo' assorbire il fiume di disperati in fuga dalla guerra. Cosi' nel pomeriggio arriva la sospensione del traffico ferroviario con l'Austria ed il ministro dell'interno annuncia la reintroduzione "temporanea" dei controlli alla frontiera, fatto non previsto dai trattati.

Nel paese, adesso, e' stato precisato, si potra' entrare "solo con documenti validi".

Ed il ministro dell'interno, Thomas de Maiziere, avverte i paesi che fanno transitare liberamente i migranti: "La grande disponibilita' dimostrata dalla Germania non deve essere sfruttata troppo".

Misure drastiche quelle tedesche, che arrivano alla vigilia di un Consiglio straordinario dei ministri dell'interno europei carico di tensioni e chiamato ad approvare il pacchetto Ue per l'immigrazione, con il meccanismo di ridistribuzione dei rifugiati a criteri fissi, l'elenco dei paesi sicuri (tutti quelli candidati all'ingresso della Ue, ovvero i balcanici e la Turchia) in provenienza dai quali non e' cioe' verosimile che si abbiano le condizioni per chiedere asilo.

La sospensione di Schengen e' stata annunciata dalla Merkel con una telefonata al presidente della Commissione. L'esecutivo europeo ha dato il beneplacito, e che altro poteva fare? Niente.

La reintroduzione temporanea dei controlli e' "una possibilita' eccezionale esplicitamente prevista e regolata" dal codice delle frontiere del Trattato di Schengen "in caso di situazione di crisi" e "la situazione attuale in Germania, a prima vista, appare essere una situazione coperta dalle regole", si sono affrettati a precisare a Bruxelles, ma la situazione è precipitata.

Ma questa decisione, ha anche scritto la Commissione, "sottolinea l'urgenza di concordare" sul pacchetto immigrazione. Accordo che dovra' necessariamente passare anche per una decisa stretta dei controlli sulla frontiera esterna.

Bruxelles ricorda che nel suo Discorso sullo stato dell'Unione mercoledi' scorso a Strasburgo e' stato lo stesso Juncker a dire che "l'altra faccia della medaglia" di Schengen e della liberta' di movimento in un'Europa senza confini interni e' "una miglior gestione della frontiera esterna e piu' solidarieta' per affrontare la crisi dei rifugiati". Ma sono parole al vento.

Il ministro dei trasporti tedesco ha denunciato il "fallimento totale" della Unione europea nella difesa dei suoi confini esterni, e ha sollecitato misure "urgenti ed efficaci" per arrestare l'afflusso record di migranti e profughi dal Medioriente. Parole come pietre addosso alla Merkel.

Intanto anche la Romania annuncia il 'no' al pacchetto Juncker, che dovra' essere approvato a maggioranza qualificata. Mentre gli ambasciatori dei 28 cercano di mettere a punto in serata il documento finale, la conta dei voti e' ancora dalla parte dell'approvazione.

Ma se si finira' allo scontro, il risultato politico potrebbe essere "sanguinoso" per l'Europa. Non a caso la svolta tedesca piace al primo ministro ungherese Viktor Orban, leader dei falchi anti-immigrazione. Cogliendo al volo la retromarcia della Merkel, ha espresso soddisfazione per la sospensione di Schengen, definendola misura "necessaria" per "preservare i valori tedeschi ed europei".

Oggi, in conclusione, è stato scritto l'ultimo capitolo della Ue.

Quello che si conclude con la parola: FINE.

Redazione Milano


LA GERMANIA CANCELLA SCHENGEN E CHIUDE LE FRONTIERE: INVIATI CENTINAIA DI POLIZIOTTI AI CONFINI LA UE STA PER FINIRE.


Cerca tra gli articoli che parlano di:

MERKEL   UE   SCHEGEN   FRONTIERE   CHIUSE   BERLINO   ORBAN   TRATTATI   FINE   CONFINI   DOGANE   DOCUMENTI    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
ALLARME ROSSO DEL QUOTIDIANO HANDELSBLATT: ''BANCHE DELLA GERMANIA IN CATTIVE CONDIZIONI, CONSOLIDAMENTO INEVITABILE''

ALLARME ROSSO DEL QUOTIDIANO HANDELSBLATT: ''BANCHE DELLA GERMANIA IN CATTIVE CONDIZIONI,

martedì 10 dicembre 2019
BERLINO - Nubi di tempesta finanziaria si stanno addensando sulle banche tedesche. Per le banche della Germania, il consolidamento - ovvero una forte ricapitalizzazione - e' "inevitabile" perche' si
Continua
 
SONDAGGIO DELLA UE SUL ''GRADIMENTO'' DELL'EURO: IN ITALIA E' AL MINIMO, IL 45% NON LO VUOLE PIU' (IN LITUANIA IL 51%)

SONDAGGIO DELLA UE SUL ''GRADIMENTO'' DELL'EURO: IN ITALIA E' AL MINIMO, IL 45% NON LO VUOLE PIU'

lunedì 9 dicembre 2019
LONDRA - Ogni anno l'Unione Europea fa un sondaggio per vedere quanto e' popolare la moneta unica e quest'anno il risultato e' piuttosto sorprendente. A prima vista le 17mila e 500 persone
Continua
EUROBUROCRATI UE HANNO SENTENZIATO: PARMIGIANO SALAME SAN DANIELE MOZZARELLA EXTRAVERGINE FANNO MALE COCA COLA FA BENE

EUROBUROCRATI UE HANNO SENTENZIATO: PARMIGIANO SALAME SAN DANIELE MOZZARELLA EXTRAVERGINE FANNO

giovedì 5 dicembre 2019
La Coca-Cola avrebbe effetti devastanti sul nostro organismo, a dirlo è l’ex farmacista inglese Niraj Naik sul suo blog. “Dopo aver visto così tante persone che soffrono di
Continua
 
ECONOMISTI TEDESCHI ELOGIANO LA GRAN BRETAGNA ''SENZA EURO HA EVITATO LA CRISI'' E SCHIANTANO IL SUPERSTATO UE ''NON SERVE''

ECONOMISTI TEDESCHI ELOGIANO LA GRAN BRETAGNA ''SENZA EURO HA EVITATO LA CRISI'' E SCHIANTANO IL

lunedì 2 dicembre 2019
LONDRA - "La decisione della Gran Bretagna di rimanere fuori dall'euro e' la miglior decisione che il governo britannico potesse prendere". Effettivamente sono un folle potrebbe pensarla
Continua
FRANCIA IN RIVOLTA CONTRO IL GOVERNO MACRON: CONTADINI E AGRICOLTORI INVADONO PARIGI E LE PRINCIPALI CITTA' CON TRATTORI

FRANCIA IN RIVOLTA CONTRO IL GOVERNO MACRON: CONTADINI E AGRICOLTORI INVADONO PARIGI E LE

mercoledì 27 novembre 2019
PARIGI - Macron travolto dai trattori, oggi a Parigi. In senso metaforico, per ora.  Trattori sulla Periferique e sugli Champs Elysees. Oltre 1000 macchine agricole, secondo i dati del ministero
Continua
 
CORTE DEI CONTI UE BOCCIA IL BILANCIO DELL'AGENZIA UE PER ''LO SVILUPPO DEL SISTEMA DI DISTRIBUZIONE MIGRANTI NELLA UE''

CORTE DEI CONTI UE BOCCIA IL BILANCIO DELL'AGENZIA UE PER ''LO SVILUPPO DEL SISTEMA DI

lunedì 25 novembre 2019
LONDRA - E' abbastanza risaputo che l'Unione Europea spreca i soldi che estorce ai contribuenti e non deve sorprendere se si scopre che molte delle sue agenzie sono gestite in modo poco
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
GOVERNO TEDESCO: NEPPURE UN PROFUGO SU 10 PUO' ESSERE COLLOCATO A LAVORARE. E L'SPD: COSI' L'EUROPA ANDRA' IN ROVINA

GOVERNO TEDESCO: NEPPURE UN PROFUGO SU 10 PUO' ESSERE COLLOCATO A LAVORARE. E L'SPD: COSI' L'EUROPA
Continua

 
INCHIESTA ESPLOSIVA DEL WALL STREET JOURNAL: MIGRANTI GRAN BEL BUSINESS PER MULTINAZIONALI COME VODAFONE E WESTERN UNION

INCHIESTA ESPLOSIVA DEL WALL STREET JOURNAL: MIGRANTI GRAN BEL BUSINESS PER MULTINAZIONALI COME
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!

FORZA ITALIA: AL GOVERNO PD-M5S PIACCIONO LE SERRANDE ABBASSATE.

10 dicembre - Il deputato e capogruppo di Forza Italia in commissione Bilancio Andrea
Continua

CALDEROLI: ''GOVERNO CANCELLA CEDOLARE SECCA PER NEGOZI. MIGLIAIA

10 dicembre - ''Questo Governo fa davvero più danni della grandine. L'assurda
Continua

SALVINI: SULL'ILVA IL GOVERNO E' RIUSCITO A PEGGIORARE LA

10 dicembre - ''Sull'Ilva il governo e' riuscito a peggiorare una situazione gia'
Continua

SONDAGGI IN GRAN BRETAGNA CONCORDANO: TORY IN AMPIO VANTAGGIO,

9 dicembre - LONDRA - Tutti i principali quotidiani pubblicano sondaggi sul voto di
Continua

GENTILONI: ''PER IL 2020 NON E' PREVEDIBILE CHE IL PIL

9 dicembre - In Eurozona ''non ci sono al momento attendibili previsioni sulla
Continua

LA FRANCIA IN RIVOLTA CONTRO MACRON E LA SUA LEGGE SULLE PENSIONI

5 dicembre - Sono 250 mila i manifestanti scesi in piazza contro la riforma delle
Continua

SPREAD DECOLLA, GLI SPECULATORI SI SONO STUFATI DEL GOVERNO CONTE

5 dicembre - Chiusura in netto allargamento per lo spread tra BTp e Bund sul mercato
Continua

BORGHI INCHIODA IL MINISTRO BELLACIAO GUALTIERI

5 dicembre - Il parlamentare leghista Claudio Borghi insiste e, su twitter, si
Continua

GIORGIA MELONI: LA PRESCRIZIONE TEMA PIU' INSIDIOSO DEL MES, PER

5 dicembre - ''Il tema della prescrizione mi sembra piu' insidioso per il governo
Continua

TUTTA LA FRANCIA IN SCIOPERO CONTRO MACRON: LE PENSIONI NON SI

5 dicembre - PARIGI - La Francia si ferma per protesta contro la ventilata riforma
Continua

UNIONE BANCARIA? MANCO PER IDEA. CENTENO SMENTISCE: ''NON L'ABBIAMO

5 dicembre - BRUXELLES - Come volevasi dimostrare, l'unione bancaria che
Continua

SONDAGGIO:55% NON HA FIDUCIA NEL GOVERNO 53% PER ELEZIONI SALVINI

5 dicembre - Secondo un sondaggio Emg Acqua presentato oggi ad ''Agora''' su Rai3, il
Continua

DUE AFRICANI DEI BARCONI ARRESTATI PER RAPINA IN STRADA A UN

4 dicembre - Con l'accusa di rapina in concorso i carabinieri hanno arrestato a
Continua

4 dicembre - Il gruppo di Forza Italia alla Camera perde un deputato: Antonino
Continua

RENZIANI: SULLA RIFORMA DELLA GIUSTIZIA DI M5S VOTEREMO CON LE

4 dicembre - ''L'idea perversa di processi eterni con noi non passerà : se il tema
Continua

SONDAGGIO: LA LEGA CRESCE E ARRIVA AL 33,8% SALE FDI AL 10% FORZA

3 dicembre - La Lega di Matteo Salvini torna a crescere dopo una battuta di arresto
Continua

ECONFIN SMENTISCE CONTE: ''ACCORDO SUL MES FATTO A GIUGNO''.

2 dicembre - PARIGI - Se il governo Conte sperava - come scrive oggi Repubblica - in
Continua

M5S: SUL MES IL PARLAMENTO DEVE AVERE L'ULTIMA PAROLA E SARA' TRA

2 dicembre - La riforma del Mes va ''discussa nel merito'' e ''solo al termine del
Continua

LEGA: 19 GIUGNO IL PARLAMENTO HA POSTO IL VETO AL MES. CONTE HA

2 dicembre - ''Dimostri di avere a cuore la Costituzione. Vada dal Presidente
Continua

IL PD IN REGIONE TOSCANA NEGA L'AUDITORIUM PER PRESENTAZIONE LIBRO

28 novembre - FIRENZE - ''Negato, in modo per noi inspiegabile, l'utilizzo
Continua
Precedenti »