Il Nazionalista - Quotidiano di libera informazione - ilNazionalista.it

Segui ilNazionalista.it con il Feed RSS

LA SINDROME CINESE DARA' IL COLPO DEFINITIVO ALL'AGONIZZANTE EUROZONA: CROLLO DELL'EXPORT DEFLAZIONE CONTRAZIONE CONSUMI

giovedì 27 agosto 2015

Da più parti si levano accorati appelli alla Cina affinchè applichi anch’essa il quantitative easing per salvare il mercato borsistico.

Peccato che alla Cina far saltare la bolla speculativa sul mercato borsistico interno faccia estremamente comodo, soprattutto in chiave geopolitica. In fondo, se il governo di Pechino lo riterrà opportuno, farà un salvataggio in modo diverso: stampando un po’ di moneta, sì, ma usandola per comprarsi le aziende quotate che riterrà strategiche, e lasciando che qualche milione di cinesi torni a mangiare pane e cipolle anziché speculare in borsa. Questo è il vantaggio di uno stato che dispone del controllo della propria banca centrale.

A questo aggiungiamo il fatto che la Cina è difficilmente ricattabile dai paesi occidentali: se dovesse decidere di vendere una parte cospicua dei titoli di stato americani che detiene, il governo del peggior presidente che gli stati uniti ricordino, avrebbe i giorni contati e con esso il benessere di parecchi milioni di americani.

Tuttavia, la “sindrome cinese” di questi giorni non è puramente finanziaria, al contrario ha natura molto concreta: la svalutazione dello yuan operata dal governo cinese è un chiaro segnale o, meglio, una chiara rappresaglia nei confronti dei paesi occidentali ed in particolare verso la UE, rea di aver attuato politiche suicide della domanda interna tali da aver intaccato l’export del dragone.

Fuori dai denti: la politica di austerità imposta dalla Germania a tutta l’Europa ha fatto crollare i consumi e se non si acquista, non si produce e poiché la maggior parte dei prodotti viene fatta in Cina (anche quelli a marchio europeo), appare evidente come a Pechino abbiano iniziato a girare vorticosamente le scatole, soprattutto perché la svalutazione dell’euro doveva spingere le vendite di prodotti europei in Cina. Niente di nuovo sotto il sole: il vecchio giochino dei crucchi di Berlino: svalutazione interna per esportare, semplicemente fatta su larga scala.

Peccato che dall’altra parte della barricata non ci sia una classe politica di pavidi incapaci come quella dei paesi satelliti della ue, ragion per cui i cinesi han prontamente reagito svalutando la loro moneta.

Cosa significa questo? Semplice: ai cinesi conviene di più comprare i prodotti fatti in casa e molto meno quelli prodotti all’estero. Per converso il made in china diviene vantaggioso fuori dai confini nazionali. Niente di più e niente di meno di quello che facevamo noi italiani qualche anno fa, quando la nostra produzione industriale superava quella tedesca.

Cosa significa questo per la ue e per l’Italia? Semplice, quella timida ripresa (praticamente inesistente nell’italico stivale a causa delle sciagurate politiche del premier non eletto), si inchioderà rapidamente, riportando la recessione nella zona euro.

Per le aziende italiane, l’attuale svalutazione dello yuan significa già una perdita di competitività del 10% rispetto al giorno prima.

Ovviamente, minori esportazioni = minor crescita del pil = parametri ue fuori controllo = aumento delle tasse per rientrare nei folli parametri dettati da Berlino.

Esatto, avete capito bene: la svalutazione dello yuan, assolutamente legittima di fronte ad un’aggressione economica, comporterà per noi italiani il rischio più che concreto di vedere un ulteriore aumento della pressione fiscale a fronte di un netto peggioramento del quadro economico nazionale ed internazionale. Un po’ come spararsi da soli sugli attributi.

Come ben evidenziato da scenarieconomici.it, in presenza di monete nazionali, il marco si sarebbe rivalutato di circa il 25%, annientando le aziende tedesche che hanno basato tutto sull’export. Tuttavia, essendoci le nazioni deboli all’interno dell’euro che possono essere usate per deprimere ulteriormente i consumi e quindi il valore dell’euro, per la Germania la partita risulterà ancora conveniente, mentre per Italia, Spagna, Portogallo e probabilmente anche Francia, i risultati saranno devastanti, ma questo è un dettaglio nell’ambito dello “spazio vitale” tedesco.

La Cina può pemettersi di portare avanti le proprie politiche industriali e monetarie (svalutando e facendo ripartire l’export) come quelle finanziarie (lasciando esplodere la bolla speculativa), l’Italia e più in generale l’eurozona no, essendo vincolata alla cortina di ferro costruita con abilità dai politici tedeschi.

L’autunno che ci aspetta sarà decisamente infuocato, come il soffio del dragone cinese.

Luca Campolongo

Fonti:

http://www.scenarieconomici.com/index.php?option=com_k2&view=item&id=245:cina-crisi-finanziaria-o-fine-di-un-ciclo-di-crescita-imponente-ed-effetti-sul-resto-del-mondo&Itemid=584&lang=it

http://scenarieconomici.it/i-media-italiani-suggeriscono-un-qe-per-la-cina-fan-finta-di-non-capire-che-e-la-cina-a-volere-lo-scoppio-della-bolla-azionaria-loro-se-lo-possono-permettere/

http://scenarieconomici.it/la-svalutazione-dello-yuan-condanna-soprattutto-litalia-in-eu-significa-minore-crescita-e-quindi-maggiore-tasse-imposte-da-berlino-anche-questo-significa-avere-una-valuta-forte/

http://www.ilsole24ore.com/art/commenti-e-idee/2015-08-25/un-qe-pechino-065732.shtml?uuid=AC52FOm

http://www.liberoquotidiano.it/news/economia/11822121/Deflazione-ed-euro-forte--le.html

 


LA SINDROME CINESE DARA' IL COLPO DEFINITIVO ALL'AGONIZZANTE EUROZONA: CROLLO DELL'EXPORT DEFLAZIONE CONTRAZIONE CONSUMI


Cerca tra gli articoli che parlano di:

CINA   CRISI   SVALUTAZIONE   EXPORT   UE   EUROPA   GERMANIA   EURO   USA   PECHINO   INDUSTRIE   FINANZA    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
EUROBUROCRATI UE HANNO SENTENZIATO: PARMIGIANO SALAME SAN DANIELE MOZZARELLA EXTRAVERGINE FANNO MALE COCA COLA FA BENE

EUROBUROCRATI UE HANNO SENTENZIATO: PARMIGIANO SALAME SAN DANIELE MOZZARELLA EXTRAVERGINE FANNO

giovedì 5 dicembre 2019
La Coca-Cola avrebbe effetti devastanti sul nostro organismo, a dirlo è l’ex farmacista inglese Niraj Naik sul suo blog. “Dopo aver visto così tante persone che soffrono di
Continua
 
ECONOMISTI TEDESCHI ELOGIANO LA GRAN BRETAGNA ''SENZA EURO HA EVITATO LA CRISI'' E SCHIANTANO IL SUPERSTATO UE ''NON SERVE''

ECONOMISTI TEDESCHI ELOGIANO LA GRAN BRETAGNA ''SENZA EURO HA EVITATO LA CRISI'' E SCHIANTANO IL

lunedì 2 dicembre 2019
LONDRA - "La decisione della Gran Bretagna di rimanere fuori dall'euro e' la miglior decisione che il governo britannico potesse prendere". Effettivamente sono un folle potrebbe pensarla
Continua
FRANCIA IN RIVOLTA CONTRO IL GOVERNO MACRON: CONTADINI E AGRICOLTORI INVADONO PARIGI E LE PRINCIPALI CITTA' CON TRATTORI

FRANCIA IN RIVOLTA CONTRO IL GOVERNO MACRON: CONTADINI E AGRICOLTORI INVADONO PARIGI E LE

mercoledì 27 novembre 2019
PARIGI - Macron travolto dai trattori, oggi a Parigi. In senso metaforico, per ora.  Trattori sulla Periferique e sugli Champs Elysees. Oltre 1000 macchine agricole, secondo i dati del ministero
Continua
 
CORTE DEI CONTI UE BOCCIA IL BILANCIO DELL'AGENZIA UE PER ''LO SVILUPPO DEL SISTEMA DI DISTRIBUZIONE MIGRANTI NELLA UE''

CORTE DEI CONTI UE BOCCIA IL BILANCIO DELL'AGENZIA UE PER ''LO SVILUPPO DEL SISTEMA DI

lunedì 25 novembre 2019
LONDRA - E' abbastanza risaputo che l'Unione Europea spreca i soldi che estorce ai contribuenti e non deve sorprendere se si scopre che molte delle sue agenzie sono gestite in modo poco
Continua
IL QUOTIDIANO TEDESCO DIE WELT ACCUSA LA COMMISSIONE UE: APPOGGIA IL GOVERNO PD-M5S NONOSTANTE I CONTI CATASTROFICI

IL QUOTIDIANO TEDESCO DIE WELT ACCUSA LA COMMISSIONE UE: APPOGGIA IL GOVERNO PD-M5S NONOSTANTE I

giovedì 21 novembre 2019
Due pesi e due misure con l'Italia, a seconda di chi c'è al governo. A scriverlo non è la stampa "sovranista" ma un quotidiano autorevole e ferreo conservatore tedesco.  "Nei
Continua
 
CASI PSICHIATRICI: 1.776 EMENDAMENTI ALLA FINANZIARIA PRESENTATI DAI PARTITI CHE HANNO SCRITTO LA FINANZIARIA...

CASI PSICHIATRICI: 1.776 EMENDAMENTI ALLA FINANZIARIA PRESENTATI DAI PARTITI CHE HANNO SCRITTO LA

mercoledì 20 novembre 2019
Chi propone la reintroduzione dello scudo penale per l'Ilva, chi chiede l'abolizione di Quota 100, chi sollecita interventi per il recupero di Venezia e chi misure per il sostegno dei neonati e della
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
COLDIRETTI, VACANZE 2015 DEGLI ITALIANI: 504 EURO DI MEDIA A PERSONA, 82% RIMASTO IN ITALIA, SOLO 30% IN ALBERGO

COLDIRETTI, VACANZE 2015 DEGLI ITALIANI: 504 EURO DI MEDIA A PERSONA, 82% RIMASTO IN ITALIA, SOLO
Continua

 
SALVINI DA BORMIO: ''APRIAMO LE PORTE A CHIUNQUE CI VUOLE DARE UNA MANO A MANDARE A CASA RENZI'' POI: ''BASTA CLANDESTINI!''

SALVINI DA BORMIO: ''APRIAMO LE PORTE A CHIUNQUE CI VUOLE DARE UNA MANO A MANDARE A CASA RENZI''
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!

LA FRANCIA IN RIVOLTA CONTRO MACRON E LA SUA LEGGE SULLE PENSIONI

5 dicembre - Sono 250 mila i manifestanti scesi in piazza contro la riforma delle
Continua

SPREAD DECOLLA, GLI SPECULATORI SI SONO STUFATI DEL GOVERNO CONTE

5 dicembre - Chiusura in netto allargamento per lo spread tra BTp e Bund sul mercato
Continua

BORGHI INCHIODA IL MINISTRO BELLACIAO GUALTIERI

5 dicembre - Il parlamentare leghista Claudio Borghi insiste e, su twitter, si
Continua

GIORGIA MELONI: LA PRESCRIZIONE TEMA PIU' INSIDIOSO DEL MES, PER

5 dicembre - ''Il tema della prescrizione mi sembra piu' insidioso per il governo
Continua

TUTTA LA FRANCIA IN SCIOPERO CONTRO MACRON: LE PENSIONI NON SI

5 dicembre - PARIGI - La Francia si ferma per protesta contro la ventilata riforma
Continua

UNIONE BANCARIA? MANCO PER IDEA. CENTENO SMENTISCE: ''NON L'ABBIAMO

5 dicembre - BRUXELLES - Come volevasi dimostrare, l'unione bancaria che
Continua

SONDAGGIO:55% NON HA FIDUCIA NEL GOVERNO 53% PER ELEZIONI SALVINI

5 dicembre - Secondo un sondaggio Emg Acqua presentato oggi ad ''Agora''' su Rai3, il
Continua

DUE AFRICANI DEI BARCONI ARRESTATI PER RAPINA IN STRADA A UN

4 dicembre - Con l'accusa di rapina in concorso i carabinieri hanno arrestato a
Continua

4 dicembre - Il gruppo di Forza Italia alla Camera perde un deputato: Antonino
Continua

RENZIANI: SULLA RIFORMA DELLA GIUSTIZIA DI M5S VOTEREMO CON LE

4 dicembre - ''L'idea perversa di processi eterni con noi non passerà : se il tema
Continua

SONDAGGIO: LA LEGA CRESCE E ARRIVA AL 33,8% SALE FDI AL 10% FORZA

3 dicembre - La Lega di Matteo Salvini torna a crescere dopo una battuta di arresto
Continua

ECONFIN SMENTISCE CONTE: ''ACCORDO SUL MES FATTO A GIUGNO''.

2 dicembre - PARIGI - Se il governo Conte sperava - come scrive oggi Repubblica - in
Continua

M5S: SUL MES IL PARLAMENTO DEVE AVERE L'ULTIMA PAROLA E SARA' TRA

2 dicembre - La riforma del Mes va ''discussa nel merito'' e ''solo al termine del
Continua

LEGA: 19 GIUGNO IL PARLAMENTO HA POSTO IL VETO AL MES. CONTE HA

2 dicembre - ''Dimostri di avere a cuore la Costituzione. Vada dal Presidente
Continua

IL PD IN REGIONE TOSCANA NEGA L'AUDITORIUM PER PRESENTAZIONE LIBRO

28 novembre - FIRENZE - ''Negato, in modo per noi inspiegabile, l'utilizzo
Continua

LEADER DELLA PROTESTA DI HONG KONG CONTRO LA DITTATURA CINESE:

28 novembre - ''Sono rimasto piuttosto deluso nel leggere le dichiarazioni
Continua

SALVINI: SUL MES SI DEVE ESPRIMERE IL PARLAMENTO SETTIMANA PROSSIMA!

28 novembre - ''Si torna in Parlamento la settimana prossima, altro che dopo la
Continua

M5S HA IL CANDIDATO ALLE REGIONALI DELLA CALABRIA: E' IL PROF.

28 novembre - CATANZARO - ''Dopo un'attenta riflessione e con la consapevolezza di
Continua

CONTE NON HA RISPETTATO LA COSTITUZIONE SUL MES. DEVE DIMETTERSI

28 novembre - ''Noi abbiamo dato ogni tipo di mandato affinche' cio' non avvenisse''.
Continua

FOTOGRAFO TOSCANI CONDANNATO A MILANO PER DIFFAMAZIONE DI MATTEO

27 novembre - La Corte d'Appello di Milano ha confermato la condanna a 8 mila euro di
Continua
Precedenti »