Il Nazionalista - Quotidiano di libera informazione - ilNazionalista.it

Segui ilNazionalista.it con il Feed RSS

COL JOBS ACT LE IMPRESE POSSONO GUADAGNARE 15.000 EURO A DIPENDENTE, SE LO ASSUMONO E DOPO 3 ANNI LO LICENZIANO (SCHIFO)

giovedì 18 dicembre 2014

Le imprese potrebbero avere dei benefici ad assumere per poi licenziare, soprattutto se il bonus assunzione diventera' strutturale. Questi benefici potrebbero variare dai 763 euro ai 5mila euro se si licenzia entro il primo anno (a seconda dei mesi di indennizzo); mentre se si licenzia alla fine dei 3 anni i benefici varierebbero dai 12 ai 15mila euro.

E' quanto emerge dalle simulazioni della Uil, che ha calcolato i benefici per l'azienda facendo il saldo tra somme a credito e a debito in caso di assunzione e licenziamento con il nuovo contratto agevolato dalla decontribuzione. Si e' considerato il costo dell'indennizzo pari, a seconda delle simulazioni, a una mensilita' e mezza o a due mensilita' per anno lavorato, calcolando anche l'ipotesi di fissare un'indennita' minima (scalino) di 3 o 4 mensilita' se il licenziamento avviene entro il primo anno. In particolare, se l'indennizzo fosse fissato in una mensilita' e mezza e se il licenziamento avvenisse entro il primo anno, per un reddito di 22mila euro il saldo per l'azienda sarebbe positivo di 5mila euro, che passerebbero a 15mila euro se il licenziamento avvenisse dopo 3 anni.

Prevedendo, invece, l'introduzione di uno scalino di 3 mensilita', il saldo, per un licenziamento dopo il primo anno per un reddito di 22mila euro, scenderebbe a 2.450 euro. Con questo stesso meccanismo, il licenziamento diventerebbe sconveniente per l'azienda nell'ipotesi di redditi superiori ai 40mila euro. Se si prendesse in considerazione un indennizzo di 2 mensilita'/anno, il beneficio per le aziende ad assumere e licenziare dopo un anno un lavoratore con uno stipendio di 22mila euro sarebbe di 4mila euro, che salirebbero a 12mila euro in caso di licenziamento dopo 3 anni. Se la soglia minima dell'indennizzo fosse di 4 mensilita', il beneficio per le aziende scenderebbe a 763 euro.

La convenienza scomparirebbe solo in presenza di redditi superiori ai 30mila euro. 

"Fermo restando che riteniamo inaccettabile il licenziamento illegittimo - ha detto il segretario confederale della Uil, Guglielmo Loy - sarebbe comunque opportuno che l'azienda non ottenesse alcun vantaggio nel licenziare. Per questo la UiL, al posto di tanti bizantinismi, ritiene che i decreti legislativi dovrebbero prevedere, in caso di licenziamento illegittimo, che al lavoratore, oltre l'indennizzo, debba essere riconosciuto anche l'ammontare degli sgravi contributivi e fiscali goduti dall'azienda nel corso degli anni per quel lavoratore".

Secondo Loy, in questo modo si renderebbe "meno conveniente" licenziare: dopo un anno di lavoro a un dipendente licenziato andrebbero a titolo di risarcimento tra i 10.500 euro e i 15mila euro, a secondo delle ipotesi dell'indennizzo; dopo 3 anni tra i 31.600 euro e i 34mila euro; dopo 5 anni tra i 39mila euro e i 43mila euro. "Come si vede - ha aggiunto Loy - la proposta della Uil e' mirata a evitare che al danno (licenziamento ingiusto) si aggiunga anche la beffa (benefici da parte delle azienda ad assumere e licenziare).

E si premierebbero quelle imprese che, utilizzando i generosi benefici, contribuissero, concretamente, all'aumento del lavoro di qualita'. D'altronde, e' bene ricordare che licenziare in Italia e' possibile (oltre 900.000 lavoratori nel 2013) come certificano i dati del ministero del Lavoro: oggetto della discussione di questi giorni sono solo i casi nei quali un giudice ha stabilito l'illegittimita' di questa scelta aziendale".

Redazione Milano


COL JOBS ACT LE IMPRESE POSSONO GUADAGNARE 15.000 EURO A DIPENDENTE, SE LO ASSUMONO E DOPO 3 ANNI LO LICENZIANO (SCHIFO)


Cerca tra gli articoli che parlano di:

JOBS ACT   UIL   DENUNCIA   LEGGE   INGANNO   LUCRARE   SUI LICENZIAMENTI   ASSURDO   SINDACATO   RENZI   PD   GOVERNO    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
LA COMMISSIONE UE RIFIUTA LA PROPOSTA DEL MINISTRO CENTINAIO A DIFESA DELLA PRODUZIONE ITALIANA DI ZUCCHERO

LA COMMISSIONE UE RIFIUTA LA PROPOSTA DEL MINISTRO CENTINAIO A DIFESA DELLA PRODUZIONE ITALIANA DI

lunedì 15 ottobre 2018
"Sono molto preoccupato per il futuro del comparto e della produzione dello zucchero in Italia. Faremo di tutto per aiutare i nostri produttori". Cosi' il ministro delle Politiche agricole Gian Marco
Continua
 
PRIMA L'ITALIA / INCHIESTA SULLA LEGGE FORNERO: PERCHE' ABOLIRLA CON QUOTA 100 (ANCHE GLI IMPRENDITORI SONO D'ACCORDO)

PRIMA L'ITALIA / INCHIESTA SULLA LEGGE FORNERO: PERCHE' ABOLIRLA CON QUOTA 100 (ANCHE GLI

lunedì 15 ottobre 2018
In questi giorni è tutto un fiorire di attacchi e critiche al governo sul DEF e sull’abolizione della legge fornero. Ovviamente lo spread ha iniziato a salire (ma siamo ancora a poco
Continua
SONDAGGIO FRIENDS OF EUROPE (FINANZIATO ANCHE DALLA UE): 64% EUROPEI PENSA CHE SENZA UE LA VITA NON SAREBBE PEGGIORE

SONDAGGIO FRIENDS OF EUROPE (FINANZIATO ANCHE DALLA UE): 64% EUROPEI PENSA CHE SENZA UE LA VITA NON

lunedì 15 ottobre 2018
LONDRA - Non passa giorno che i mezzi di informazione non dicano quanto sia essenziale la UE per tutti i cittadini e politici di sinistra e giornali - il 99% dei giornali italiani è
Continua
 
GIANCARLO GIORGETTI: ''IL CENTRODESTRA DEL PASSATO NON ESISTE PIU'. IL CAMBIAMENTO E' POPULISTA E SOVRANISTA. E' SALVINI''

GIANCARLO GIORGETTI: ''IL CENTRODESTRA DEL PASSATO NON ESISTE PIU'. IL CAMBIAMENTO E' POPULISTA E

domenica 14 ottobre 2018
Lega sempre più coesa intorno al suo Capitano, Forza Italia sempre più divisa, tra latitanza del 'grande capo', rendite di posizione e rese dei conti interne. Il centrodestra a trazione
Continua
GOVERNATORE FONTANA A MOSCA: ''FINCHE' NON AVREMO CATTURATO L'ORSO... INCROCIAMO LE DITA'' (OLIMPIADI INVERNALI 2026)

GOVERNATORE FONTANA A MOSCA: ''FINCHE' NON AVREMO CATTURATO L'ORSO... INCROCIAMO LE DITA''

giovedì 11 ottobre 2018
MOSCA - "Finché non avremo catturato l'orso, non saremo sicuri: incrociamo le dita". Così il presidente della regione Lombardia Attilio Fontana, a margine di un incontro con il
Continua
 
COLOSSO MONDIALE JPMORGAN: ''ITALIA STABILE, BTP SONO UN'OPPORTUNITA' DI INVESTIMENTO, NON VEDIAMO CRISI BANCARIE''

COLOSSO MONDIALE JPMORGAN: ''ITALIA STABILE, BTP SONO UN'OPPORTUNITA' DI INVESTIMENTO, NON VEDIAMO

giovedì 11 ottobre 2018
NEW YORK - La decisione del governo di fissare il rapporto deficit/Pil al 2,4 per cento ha colto di sorpresa quei fondi esteri che a settembre avevano comprato BTp sulla scommessa che l'esecutivo
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
CROLLANO I CONSUMI DI BENZINA E GASOLIO, ANCHE A FRONTE DI NUOVE IMMATRICOLAZIONI. L'ITALIA E' FERMA.

CROLLANO I CONSUMI DI BENZINA E GASOLIO, ANCHE A FRONTE DI NUOVE IMMATRICOLAZIONI. L'ITALIA E'
Continua

 
RUSSIA E INDIA SIGLANO UN ACCORDO DA 2 MILIARDI DI DOLLARI PER TAGLIO E COMMERCIO DEI DIAMANTI RUSSI (BELGIO ROVINATO)

RUSSIA E INDIA SIGLANO UN ACCORDO DA 2 MILIARDI DI DOLLARI PER TAGLIO E COMMERCIO DEI DIAMANTI
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!