Il Nazionalista - Quotidiano di libera informazione - ilNazionalista.it

Segui ilNazionalista.it con il Feed RSS

''SEMPRE PIU' AMPIO IL FRONTE DEGLI AMICI DI PUTIN E DELLA RUSSIA: LEGA, F.D'ITALIA ORA FORZA ITALIA'' (VOCE DELLA RUSSIA)

mercoledì 24 settembre 2014

È sempre più ampio il fronte italiano degli amici di Putin e della Russia. Dopo Lega Nord e Fratelli d’Italia, che hanno criticato la faciloneria del governo Renzi nell’accodarsi alle sanzioni anti-russe, si schiera apertamente anche Forza Italia, il primo partito del centrodestra, da sempre amico di Putin.

Seppure non clamorosamente come in Francia, dove un gruppo di agricoltori ha dato fuoco all’Agenzia delle Entrate, la discesa in campo degli “azzurri” ha un grande peso specifico, e palesa il disagio degli italiani verso una mossa dell’Ue che non comprendono e che vedono nella sua portata autodistruttiva: per il 2014, infatti, il Centro Studi di Confindustria prevede un danno all’export di circa 1,4miliardi di euro. E parliamo solo del settore agroalimentare.

La Voce della Russia ha interpellato Giovanni Toti, consigliere politico di Silvio Berlusconi, per analizzare i cambiamenti del quadro politico italiano e internazionale dopo la crisi ucraina.

Qual è la posizione ufficiale di Forza Italia sulle sanzioni contro la Russia?

Sono inutili e ingiuste. Danneggiano mortalmente i nostri industriali e non sono efficaci ai fini della pace. La tensione in Ucraina va sciolta con il negoziato, come di solito avviene nelle crisi regionali, a maggior ragione perché qui è coinvolta una delle due superpotenze mondiali. Queste misure allontanano da noi la Russia e invertono dieci anni di politica estera italiana, che soprattutto grazie ai rapporti di stima e fiducia reciproca tra i presidenti Berlusconi e Putin era votata a un grande ruolo della Russia in Occidente. Le scelte scellerate dell’Ue avvicinano pericolosamente la Russia ai mercati di Cina e India, che sono tra l’altro acquirenti di materie prime molto più appetibili di un’Europa nella quale il mercato è esausto.

Sembra proprio che Renzi e più in generale i leader europei le stiano provando tutte pur di aprire una crisi internazionale...

Con Pratica di Mare e con l’ingresso della Russia nel G8, voluto da Berlusconi nel 2001, eravamo riusciti a tenere la Russia attaccata al blocco occidentale come partner strategico, addirittura l’avevamo avvicinata alla NATO con l’accordo di partenariato. Ma stanno distruggendo tutto in pochi mesi e francamente non se ne vedono neppure gli effetti diplomatici.

Come agisce in concreto Forza Italia nel Parlamento Europeo e in seno al Ppe?

Ieri il Parlamento europeo ha votato una risoluzione dai toni che non ci sono piaciuti: così Forza Italia si è astenuta, anche se il Ppe, nostro gruppo parlamentare, ha votato “sì” insieme con il Pse. Abbiamo rimarcato la nostra differenza in modo forte e unitario. Il capogruppo Gardini ha chiarito in aula che il nostro voto non è stato contrario solo per non creare ferite insanabili dentro il Partito Popolare. Il Parlamento europeo deve premere sul Consiglio dei Capi di Stato e sulla Commissione affinché rimuovano le sanzioni, si apra un dialogo, si inviino missioni di alto livello a Mosca per negoziare con il presidente Putin una tregua nell’area e un’equa composizione del conflitto: una soluzione che tenga assolutamente conto che gli abitanti di certe zone dell’Ucraina sono di origine russa, parlano russo e si sentono legati alla Russia, e che perciò questi fatti debbano essere salvaguardati.

Qual è al momento la principale contraddizione dell’Ue?

Non è possibile che tutto il mondo guardi al voto scozzese come un gesto di democrazia, mentre si considera il referendum di Crimea come una specie di buffonata. Non ne capisco il senso e con me milioni di italiani.

Il presidente Berlusconi si era offerto come mediatore per l’Italia?

Il presidente di Forza Italia si sente costantemente con Putin, in questi giorni. E ha riferito riservatamente a Renzi i risultati delle telefonate intercorse, in modo che il governo italiano si faccia un’idea non solo di quanto è grave la situazione, ma anche delle possibili vie d’uscita. Devo però dire che fino ad oggi le azioni della Mogherini non mi sono parse particolarmente efficaci né come toni né come risultati. Non vedo quella distinzione politica verso alleati Ue e alleati Nato, che potrebbe garantirci il ruolo di ponte in un dialogo. Ci siamo invece allineati alla posizione americana, che reputo piuttosto aggressiva: ciò è utile agli USA, non all’Europa e nemmeno all’Italia e al suo tessuto produttivo.

La nomina forzata della Mogherini ha indebolito il semestre europeo dell’Italia?

Il ministro degli Esteri europeo è pressoché inutile. Più che altro è un ruolo di rappresentanza che Renzi ha fortemente voluto contro la nostra opinione. Forza Italia avrebbe preferito un Portafoglio economico per arginare i falchi tedeschi e nordici. Oggi siamo accerchiati e non possiamo neppure incidere a livello di politica estera. Il pressing di Renzi sta facendo pagare un prezzo carissimo alla Mogherini, che ha dovuto abbandonare le sue posizioni originali sulla Russia; ed è anche vero che pure la Germania, che all’inizio era prudente, ha ceduto alle pressioni di Obama e di quei Paesi dell’Est che hanno un rapporto conflittuale con la Russia. Oggi l’Ue parteggia per loro in modo smaccato, indebolendo il suo ruolo di mediazione: quale credibilità abbiamo agli occhi di Putin?

Molti elettori iniziano a nutrire dubbi sulle convergenze parallele tra centrodestra e Renzi. Forza Italia è ancora un’alternativa alla sinistra in politica interna?

Forza Italia è senza dubbio l’alternativa al governo delle sinistre. E Renzi è un premier socialista. Sarebbe però ottuso rispondere in modo settario o non rispondere affatto alla sfida riformista che il premier ci ha lanciato. Quando discuti delle regole del gioco che valgono per tutti, quando parli di grande politica estera con scelte strategiche a livello economico e militare, un dialogo serrato è tipico di una forza democratica. Qui non ci sono zone grigie di inciucio: Forza Italia è opposizione e rimarrà tale.

Dal 2011 l’Italia raccoglie solo record economici negativi, e Renzi negli ultimi mesi ne ha ottenuti di eclatanti. Che ruolo giocherà l’opposizione?

Finora la politica economica di Renzi e delle sinistre è stata fallimentare. La ricetta è semplice: ridurre la pressione fiscale e la spesa pubblica, tagliare gli adempimenti burocratici che toccano le nostre imprese e liberalizzare il mercato, possibilmente valorizzando la meritocrazia per coloro che ci operano. Se non abbassi le tasse, il Jobs Act da solo non farà crescere l’occupazione. Invece Renzi sta sbagliando tutto, e spetta a noi riunificare le forze di centrodestra per aumentare le probabilità di vittoria. Mi ripeterò, ma la scelta di applicare le sanzioni Ue contro la Russia è l’ennesimo schiaffo al tessuto produttivo e alle famiglie italiane.

MARCO FONTANA - LA VOCE DELLA RUSSIA. 


''SEMPRE PIU' AMPIO IL FRONTE DEGLI AMICI DI PUTIN E DELLA RUSSIA: LEGA, F.D'ITALIA ORA FORZA ITALIA'' (VOCE DELLA RUSSIA)




 
Gli ultimi articoli sull'argomento
SPECIALE LIBIA / I RISULTATI DELLA CONFERENZA INTERNAZIONALE DI PALERMO COL PLAUSO DEL DIPARTIMENTO DI STATO AMERICANO

SPECIALE LIBIA / I RISULTATI DELLA CONFERENZA INTERNAZIONALE DI PALERMO COL PLAUSO DEL DIPARTIMENTO

mercoledì 14 novembre 2018
La conferenza internazionale di Palermo sulla Libia è stata un grande successo, (a dispetto dell'ostracismo della stampa italiana che lo ha apertamente trascurato -ndr). Gli Stati Uniti hanno
Continua
 
QUOTIDIANO TEDESCO DIE WELT: ''LA GERMANIA STA SEMPRE PIU' SOFFRENDO: EXPORT IN CADUTA CONSUMI IN PICCHIATA E PIL -0,2%''

QUOTIDIANO TEDESCO DIE WELT: ''LA GERMANIA STA SEMPRE PIU' SOFFRENDO: EXPORT IN CADUTA CONSUMI IN

mercoledì 14 novembre 2018
BERLINO - Sta andando molto peggio di quanto invece aveva previsto il goverrno Merkel per quest'anno. Nel terzo trimestre del 2018, il prodotto interno lordo della Germania ha registrato una
Continua
SONDAGGIO COLDIRETTI-IXE': ''58% DEGLI ITALIANI CONTRO LA UE E PER IL 63% LA UE DANNEGGIA IL MADE IN ITALY'' (ADDIO UE)

SONDAGGIO COLDIRETTI-IXE': ''58% DEGLI ITALIANI CONTRO LA UE E PER IL 63% LA UE DANNEGGIA IL MADE

mercoledì 14 novembre 2018
Cresce in Italia la diffidenza e il rancore nei confronti dell'Unione europea, con quasi sei italiani su dieci (58%) che si sentono maltrattati dalle politiche comunitarie rispetto agli altri Paesi.
Continua
 
POLIZIA LOCALE DI MILANO SCOPRE DORMITORIO-LAGER (CON 25 AFRICANI DENTRO) IN UN PALAZZO. L'APPARTAMENTO E' DI UN CINESE

POLIZIA LOCALE DI MILANO SCOPRE DORMITORIO-LAGER (CON 25 AFRICANI DENTRO) IN UN PALAZZO.

martedì 13 novembre 2018
MILANO - Venticinque letti ammassati in un quadrilocale dalle pessime condizioni igieniche che ospitava migranti, molti clandestini in Italia. .È quanto trovato gli agenti del Nucleo reati
Continua
CROLLATI GLI SBARCHI DI AFRICANI IN ITALIA: DA 119.369 NEL 2017 A 22.167 DA GENNAIO A NOVEMBRE 2018: MERITO DI SALVINI

CROLLATI GLI SBARCHI DI AFRICANI IN ITALIA: DA 119.369 NEL 2017 A 22.167 DA GENNAIO A NOVEMBRE

lunedì 12 novembre 2018
"Gli sbarchi nel 2016 sono stati 181.436, nel 2017 sono stati 119.369 mentre nel 2018 sono scesi a 22.167". Sono i dati forniti da Massimo Bontempi, direttore della Direzione centrale immigrazione e
Continua
 
REPUBBLICA CECA RIFIUTERA' IL  ''PATTO SULL'IMMIGRAZIONE'' DELL'ONU (ANCHE USA AUSTRIA UNGHERIA E POLONIA HANNO DETTO NO)

REPUBBLICA CECA RIFIUTERA' IL ''PATTO SULL'IMMIGRAZIONE'' DELL'ONU (ANCHE USA AUSTRIA UNGHERIA E

lunedì 12 novembre 2018
Aumenta sempre di piu' il numero di coloro che si oppongono al patto ONU sull'immigrazione che verra' adottato dai Paesi partecipanti all conferenza intergovernativa che si terra' in Marocco il 10 e
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
LA GERMANIA CONTINUA ''TRANQUILLAMENTE'' A FINANZIARE A FONDO PERDUTO AZIENDE DELLA EX DDR FREGANDOSENE DEI TRATTATI UE.

LA GERMANIA CONTINUA ''TRANQUILLAMENTE'' A FINANZIARE A FONDO PERDUTO AZIENDE DELLA EX DDR
Continua

 
2° GIORNO DI GUERRA MONDIALE ALL'ISIS: MASSICCI BOMBARDAMENTI E LO STATO MAGGIORE USA AVVERTE, CI POSSONO VOLERE ANNI.

2° GIORNO DI GUERRA MONDIALE ALL'ISIS: MASSICCI BOMBARDAMENTI E LO STATO MAGGIORE USA AVVERTE, CI
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!