Il Nazionalista - Quotidiano di libera informazione - ilNazionalista.it

Segui ilNazionalista.it con il Feed RSS

REPORTAGE / ''ITALIA ALLA FAME, MA STAMPA E TV INSEGUONO RENZI E NON RACCONTANO IL PAESE REALE'' (LA VOCE DELLA RUSSIA)

lunedì 28 aprile 2014

L’Italia è un Paese strano, nel quale i dati preoccupanti sulla povertà economica, culturale e sociale ”di ritorno” non appassionano i quotidiani nazionali. Basti pensare al trattamento riservato dai media italiani a quanto annunciato dall’Istat pochi giorni fa: In Italia oltre un milione di famiglie sono senza reddito da lavoro.

I giornalisti l’hanno archiviato in un giorno appena, per tornare subito agli esercizi di retorica sugli 80 euro mensili promessi da Renzi.

Una scelta alquanto peculiare, visto che dietro ai freddi numeri ci sono comunque nomi e cognomi di persone che muoiono nell’indifferenza mediatica e politica. Se si aggiunge inoltre che 491mila di questi cittadini è rappresentato da coppie con figli, è facile comprendere come il dramma non si limiti ai dati statistici, ma sia tale da minare alle fondamenta la stabilità della comunità nazionale italiana.

Ma il dato diventa è sempre più agghiacciante se si guarda all’incremento percentuale: il numero delle famiglie nelle quali tutte le forze lavoro sono in cerca di occupazione risulta infatti in crescita del 18,3% rispetto al 2012, cioè +175mila in termini assoluti. Peggio ancora se si confronta il quadro con quello del 2010: in questo caso il rialzo supera il 50%, attestandosi precisamente al 56,5%. E pensare che in questi anni si sono succedute almeno due grandi riforme del lavoro... Come a dire che di riforme, a dispetto di quanto dichiarato dall’Unione Europea, si può anche morire.

D’altro canto, questa notizia suona come un’eco di quella sentita qualche settimana fa tramite l’autorevole voce di Bankitalia, che denunciava l’aumento della povertà e la diminuzione dei redditi. In questo studio si legge che nel biennio 2010 – 2012 il reddito familiare medio in termini nominali è diminuito del 7,3%, mentre la povertà è salita dal 14% del 2010 al 16% nel 2012. Per intenderci meglio: la soglia di povertà è fissata su un reddito di 7.678 euro netti l'anno (15.300 euro per una famiglia di 3 persone): un italiano su sei, insomma, vive con meno di 640 euro al mese. Peccato che gli 80 euro di Matteo Renzi non tengano proprio conto di questi cittadini, anzi, non prevedano neppure una soglia per il cumulo, arrivando al paradosso che una famiglia che ha due redditi a 1490 euro al mese beneficerà della prebenda elettorale “fiorentina”, mentre un incapiente rimarrà con la bocca asciutta.

E’ una situazione tragica aggravata dal servilismo di certa stampa, che da mesi ci racconta minuziosamente le impegnative giornate dell’attuale Presidente, come se fosse stata ripristinata in Italia la monarchia, mentre dall’altra parte resta totalmente in silenzio sulla diffusa decadenza della società italiana (e se proprio la si vuol dire tutta, anche di quella occidentale).

In questi giorni, passeggiando nel cuore di Torino, la zona di Porta Palazzo, che è il più grande mercato all’aperto d’Europa, ho potuto apprezzare tale decadenza in tutta la sua forza. Sia chiaro che il mercato in sé resta uno dei più belli del mondo, grazie ai suoi colori, alle sue voci, al suo dinamismo. Quello che inquieta sono i visi delle persone che lo frequentano, sui quali si legge la sconfitta, la tristezza e la stanchezza di una società che oggi pretende solo, prosciugando forze e finanze personali, e al momento del bisogno non restituisce alcunché, anzi ti isola. Ci sono i vecchietti, col vestito della domenica sgualcito, che passano in bicicletta con un sacco dell’immondizia e si fermano a raccogliere i resti dei mercatali; c’è il quarantenne in cassa integrazione che transita disperatamente da un banco all’altro per vedere dove comprare al miglior prezzo, ma poi esce con una busta praticamente vuota.

Ci sono le signore, tante, che cercano disperatamente qualche indumento o un paio di scarpe a 5 euro. E infine ci sono gli extracomunitari, a frotte, che vegetano, seduti sulle transenne del mercato, dall’orario di apertura a quello di chiusura. La domanda sorge spontanea: è questa la società che vogliamo lasciare ai nostri figli? È questa l’idea vincente della multiculturalità? Penso proprio di no. E’ invece la sconfitta culturale di un popolo che non riesce più a edificare basi solide per se’ stesso.

Più in generale, è la sconfitta di chi ha richiamato mano d’opera a basso costo con la scusa dell’accoglienza a tutti i costi. Ma al livello maggiore è la sconfitta dell’Occidente europeo, che come uno struzzo ha messo la testa sotto la sabbia per non voler vedere che senza forti valori comuni tutto finisce per disgregarsi. La politica italiana, nel vano tentativo di seguire l’Eurocrazia nella sua ossessiva ricerca del rispetto dei parametri, ha perduto quel concetto principe che era il caposaldo dell’Occidente: il senso di umanità.

LA VOCE DELLA RUSSIA.


REPORTAGE / ''ITALIA ALLA FAME, MA STAMPA E TV INSEGUONO RENZI E NON RACCONTANO IL PAESE REALE'' (LA VOCE DELLA RUSSIA)


Cerca tra gli articoli che parlano di:

POLITICA   ITALIANA   POVERTA'   GIORNALISTI   RENZI   ITALIA   DECLINO   DELL'OCCIDENTE    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
GIORGIA MELONI IN PARLAMENTO: ''PERCHE' DOBBIAMO USARE I SOLDI ITALIANI PER SALVARE LE BANCHE TEDESCHE? CONTE, RISPONDA!''

GIORGIA MELONI IN PARLAMENTO: ''PERCHE' DOBBIAMO USARE I SOLDI ITALIANI PER SALVARE LE BANCHE

mercoledì 11 dicembre 2019
"Si sta creando un cappio per indurre una crisi? Per l'incapacità dei nostri di difendere gli interessi nazionali". Lo chiede Giorgia Meloni, leader di Fratelli d'Italia intervenendo in Aula
Continua
 
ALLARME ROSSO DEL QUOTIDIANO HANDELSBLATT: ''BANCHE DELLA GERMANIA IN CATTIVE CONDIZIONI, CONSOLIDAMENTO INEVITABILE''

ALLARME ROSSO DEL QUOTIDIANO HANDELSBLATT: ''BANCHE DELLA GERMANIA IN CATTIVE CONDIZIONI,

martedì 10 dicembre 2019
BERLINO - Nubi di tempesta finanziaria si stanno addensando sulle banche tedesche. Per le banche della Germania, il consolidamento - ovvero una forte ricapitalizzazione - e' "inevitabile" perche' si
Continua
SONDAGGIO DELLA UE SUL ''GRADIMENTO'' DELL'EURO: IN ITALIA E' AL MINIMO, IL 45% NON LO VUOLE PIU' (IN LITUANIA IL 51%)

SONDAGGIO DELLA UE SUL ''GRADIMENTO'' DELL'EURO: IN ITALIA E' AL MINIMO, IL 45% NON LO VUOLE PIU'

lunedì 9 dicembre 2019
LONDRA - Ogni anno l'Unione Europea fa un sondaggio per vedere quanto e' popolare la moneta unica e quest'anno il risultato e' piuttosto sorprendente. A prima vista le 17mila e 500 persone
Continua
 
ECONOMISTI TEDESCHI ELOGIANO LA GRAN BRETAGNA ''SENZA EURO HA EVITATO LA CRISI'' E SCHIANTANO IL SUPERSTATO UE ''NON SERVE''

ECONOMISTI TEDESCHI ELOGIANO LA GRAN BRETAGNA ''SENZA EURO HA EVITATO LA CRISI'' E SCHIANTANO IL

lunedì 2 dicembre 2019
LONDRA - "La decisione della Gran Bretagna di rimanere fuori dall'euro e' la miglior decisione che il governo britannico potesse prendere". Effettivamente sono un folle potrebbe pensarla
Continua
IL QUOTIDIANO TEDESCO DIE WELT ACCUSA LA COMMISSIONE UE: APPOGGIA IL GOVERNO PD-M5S NONOSTANTE I CONTI CATASTROFICI

IL QUOTIDIANO TEDESCO DIE WELT ACCUSA LA COMMISSIONE UE: APPOGGIA IL GOVERNO PD-M5S NONOSTANTE I

giovedì 21 novembre 2019
Due pesi e due misure con l'Italia, a seconda di chi c'è al governo. A scriverlo non è la stampa "sovranista" ma un quotidiano autorevole e ferreo conservatore tedesco.  "Nei
Continua
 
DER SPIEGEL SCHIANTA IL GOVERNO CONTE: FA MORIRE L'INDUSTRIA ITALIANA MINISTRI INCAPACI E NON C'E' CERTEZZA DEL DIRITTO

DER SPIEGEL SCHIANTA IL GOVERNO CONTE: FA MORIRE L'INDUSTRIA ITALIANA MINISTRI INCAPACI E NON C'E'

lunedì 18 novembre 2019
BERLINO - Terza economia dell'Eurozona, l'Italia vede la propria industria "morire in bellezza". E' quanto afferma il settimanale tedesco "Der Spiegel", commentando la decisione del gruppo
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
GRILLO: ''DALLE EUROPEE MI ASPETTO UNA MARCIA TRIONFALE: SE BATTEREMO IL PD, ANDRO' DA NAPOLITANO A CHIEDERE IL GOVERNO''

GRILLO: ''DALLE EUROPEE MI ASPETTO UNA MARCIA TRIONFALE: SE BATTEREMO IL PD, ANDRO' DA NAPOLITANO A
Continua

 
DEUTSCHE BANK ESPOSTA IN DERIVATI PER 75.718 (SETTANTACINQUEMILA SETTECENTO DICIOTTO!) MILIARDI DI USD (APOCALITTICO)

DEUTSCHE BANK ESPOSTA IN DERIVATI PER 75.718 (SETTANTACINQUEMILA SETTECENTO DICIOTTO!) MILIARDI DI
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!

14 DEPUTATI M5S DISERTANO LA VOTAZIONE ALLA CAMERA SUL MES (SONO

11 dicembre - Quattordici deputati M5S non hanno partecipato al voto alla camera sul
Continua

IL COMITATO VITTIME SALVA BANCHE ORGANIZZA UN FLASH MOB CONTRO IL

11 dicembre - ROMA - Flash mob dell'associazione 'Vittime del salva banche' davanti
Continua

BORGHI: ''CONTE TRADITORE, NON DOVEVA FIRMARE IL TRATTATO MES''.

11 dicembre - ROMA - AULA DEL PARLAMENTO - ''Il mandato che Conte aveva ricevuto da
Continua

DI MAIO: MES SOLO SE ASSIEME A UNIONE BANCARIA E GARANZIA UE SU

11 dicembre - ''Non possiamo mettere i soldi in banca degli italiani, per usare una
Continua

FORZA ITALIA: AL GOVERNO PD-M5S PIACCIONO LE SERRANDE ABBASSATE.

10 dicembre - Il deputato e capogruppo di Forza Italia in commissione Bilancio Andrea
Continua

CALDEROLI: ''GOVERNO CANCELLA CEDOLARE SECCA PER NEGOZI. MIGLIAIA

10 dicembre - ''Questo Governo fa davvero più danni della grandine. L'assurda
Continua

SALVINI: SULL'ILVA IL GOVERNO E' RIUSCITO A PEGGIORARE LA

10 dicembre - ''Sull'Ilva il governo e' riuscito a peggiorare una situazione gia'
Continua

SONDAGGI IN GRAN BRETAGNA CONCORDANO: TORY IN AMPIO VANTAGGIO,

9 dicembre - LONDRA - Tutti i principali quotidiani pubblicano sondaggi sul voto di
Continua

GENTILONI: ''PER IL 2020 NON E' PREVEDIBILE CHE IL PIL

9 dicembre - In Eurozona ''non ci sono al momento attendibili previsioni sulla
Continua

LA FRANCIA IN RIVOLTA CONTRO MACRON E LA SUA LEGGE SULLE PENSIONI

5 dicembre - Sono 250 mila i manifestanti scesi in piazza contro la riforma delle
Continua

SPREAD DECOLLA, GLI SPECULATORI SI SONO STUFATI DEL GOVERNO CONTE

5 dicembre - Chiusura in netto allargamento per lo spread tra BTp e Bund sul mercato
Continua

BORGHI INCHIODA IL MINISTRO BELLACIAO GUALTIERI

5 dicembre - Il parlamentare leghista Claudio Borghi insiste e, su twitter, si
Continua

GIORGIA MELONI: LA PRESCRIZIONE TEMA PIU' INSIDIOSO DEL MES, PER

5 dicembre - ''Il tema della prescrizione mi sembra piu' insidioso per il governo
Continua

TUTTA LA FRANCIA IN SCIOPERO CONTRO MACRON: LE PENSIONI NON SI

5 dicembre - PARIGI - La Francia si ferma per protesta contro la ventilata riforma
Continua

UNIONE BANCARIA? MANCO PER IDEA. CENTENO SMENTISCE: ''NON L'ABBIAMO

5 dicembre - BRUXELLES - Come volevasi dimostrare, l'unione bancaria che
Continua

SONDAGGIO:55% NON HA FIDUCIA NEL GOVERNO 53% PER ELEZIONI SALVINI

5 dicembre - Secondo un sondaggio Emg Acqua presentato oggi ad ''Agora''' su Rai3, il
Continua

DUE AFRICANI DEI BARCONI ARRESTATI PER RAPINA IN STRADA A UN

4 dicembre - Con l'accusa di rapina in concorso i carabinieri hanno arrestato a
Continua

4 dicembre - Il gruppo di Forza Italia alla Camera perde un deputato: Antonino
Continua

RENZIANI: SULLA RIFORMA DELLA GIUSTIZIA DI M5S VOTEREMO CON LE

4 dicembre - ''L'idea perversa di processi eterni con noi non passerà : se il tema
Continua

SONDAGGIO: LA LEGA CRESCE E ARRIVA AL 33,8% SALE FDI AL 10% FORZA

3 dicembre - La Lega di Matteo Salvini torna a crescere dopo una battuta di arresto
Continua
Precedenti »