Il Nazionalista - Quotidiano di libera informazione - ilNazionalista.it

Segui ilNazionalista.it con il Feed RSS

THE TELEGRAPH: ''LA TROIKA UE-BCE-FMI E' UN FALLIMENTO EPICO CHE VERRA' STUDIATO NELLE SCUOLE NEGLI ANNI A VENIRE''

martedì 15 aprile 2014

La vendita trionfante delle obbligazioni Greche a cinque anni a fondi internazionali (1/3) e investitori globali – metà dei quali con sede a Londra – ci dice molto sullo stato mentale ed emotivo degli investitori. Ci dice invece molto poco sullo stato dell'economia greca o della società greca. Non è certamente la prova che la Grecia sia tranquillamente fuori dai guai. Ed è ancor meno una conferma delle politiche della Troika UE/FMI, un fallimento epico che verrà studiato nelle scuole negli anni a venire.

In genere, quando un paese emerge dal trauma di un regime di austerità del FMI ha almeno un livello tollerabile di debito  e, se necessario, una moneta svalutata per rispristinare la sua competitività. Dure riforme accompagnate da un adeguato sollievo. Il paese viene posto su un percorso praticabile verso la ripresa.

Ma questo in Grecia non è avvenuto.

Il debito pubblico è ancora al 178% del PIL, nonostante un default parziale verso i creditori privati intorno al 70% in termini effettivi e nonostante (o proprio a causa di) una serie di pacchetti di prestiti UE-FMI – i "prestiti per l'occupazione", come vengono chiamati in Grecia. Questo livello rimane insostenibile per un paese senza una banca centrale sovrana e una propria moneta.

I mercati lo sanno.

Si stanno accaparrando le obbligazioni greche con rendimenti del 4,75% perché siamo tornati alla frenesia pre-Lehman, quando compravano qualsiasi cosa, e questo è tutto quel che c'è rimasto. Essi scommettono che le autorità europee manterranno in piedi la Grecia per i prossimi 5 anni, allungando le scadenze dei prestiti e offrendo interessi all'osso. Scommettono anche sul fatto che la situazione politica greca non salterà in aria.

Themistoklis Fiotakis di Goldman Sachs dice che i vari trucchi utilizzati hanno ridotto i rendimenti degli interessi sul debito greco al 4-4,5% del PIL, allo stesso livello pre-crisi, quindi il livello teorico di debito è (al momento) irrilevante. Più dell’80% del debito greco sarà nelle mani della EU/BCE e di creditori ufficiali entro il 2016. Il rischio di default è “basso”.

Tutto vero, anche se il tasso sui bond greci a 10 anni ieri è balzato di 32 punti base, quindi i compratori di ieri devono già assorbire una certa perdita. Che poi gli investitori abbiano davvero un’idea attendibile della politica greca – o meglio della politica europea – è un'altra questione.

La coalizione di Antonis Samaras ha ormai un margine di un solo voto nel Parlamento greco. Il movimento radicale Syriza si rifiuta di sparire. Secondo gli ultimi sondaggi, è in testa. Il partito neo-fascista Alba Dorata è ancora a doppia cifra.

Se pensate che siamo nelle prime fasi di un ciclo di liquidità globale e di una nuova espansione, allora una ripresa della crescita può essere sufficiente a portare la Grecia e i paesi mediterranei  fuori dalle secche. Una cosa è se si ritiene che la stretta monetaria G2 di Cina e Stati Uniti suggerisca che potremmo essere più vicini alla fine di un ciclo ormai lungo cinque anni, altra cosa se si concorda con la teoria di Larry Summers della “secular stagnation” – un altro modo per dire che il risparmio globale è troppo alto e i consumi troppo bassi, come negli anni trenta.

Il professor Charles Wyplosz dell'Università di Ginevra dice che i leader dell’UEM hanno semplicemente nascosto sotto il tappeto la crisi del debito sovrano. I rapporti di debito sono cresciuti mentre prende piede una dinamica deflazionistica. Gli attuali livelli di debito in Grecia, Italia e Portogallo sono una "ricetta per il disastro" quando la prossima crisi colpirà, ha detto.

I fondi internazionali che detengono il debito greco pensano di essere abbastanza svegli per prevedere un’eventuale tempesta in arrivo ed essere quindi in grado di scaricare in tempo le loro nuove obbligazioni sui sonnolenti fondi pensione (il mio e il vostro). Senza dubbio hanno ragione.

L'economia greca ha riguadagnato un po’ di competitività con il doloroso metodo della "svalutazione interna", che è quello di rompere la resistenza dei lavoratori ai tagli salariali facendo  aumentare la disoccupazione a livelli criminali.

Il FMI ha detto nel suo quarto “Review” dell'anno scorso che il disavanzo delle partite correnti è stato in gran parte eliminato grazie alla "compressione delle importazioni", non con l'aumento delle esportazioni. C'è ancora un "disavanzo strutturale delle partite correnti a circa il 6% del PIL" che implica una sopravvalutazione della moneta di circa il 10%.

In altre parole, la Grecia potrà anche essere vicina al pareggio della bilancia commerciale oggi (anche se ha ancora un deficit di partite correnti), ma lo ha ottenuto dopo sei anni di depressione. Ci vuole un tasso di disoccupazione del 27,5%, e uno giovanile del 58,3% , per raggiungere questo obiettivo. La conseguenza è che il deficit esploderà nuovamente se mai la Grecia dovesse avere una vera ripresa.

L'economia ha toccato il fondo dopo una caduta del 26% del PIL. Ma gli investimenti sono crollati, così come le importazioni di beni strumentali necessari per ricostruire l'industria sconvolta del paese e la depressione e la deflazione del debito hanno avuto un impatto devastante sui debiti delle famiglie.

La Grecia è stata sacrificata per la causa dell'euro, come i 300 spartani, Tebani e Tespiani tagliati a pezzi alle Termopili per salvare l'alleanza greca. All'inizio gli è stata negata  la ristrutturazione del debito – che è quello che voleva gran parte del consiglio del FMI, secondo le minute trapelate dei verbali delle riunioni  – perché questo avrebbe violato la santità dell'Unione monetaria.

Gli è stato imposto un insieme di politiche (con la collusione dei loro leader) che hanno violato le stesse regole di prestito del FMI e che non hanno un senso economico. Principalmente l’obiettivo era quello di guadagnar tempo perché l'Eurozona potesse approntare le difese da altre parti e scongiurare il contagio. (Anche questo è stato ammesso dal FMI). I cinici direbbero anche che hanno guadagnato tempo perché le banche del nord riuscissero ad svincolarsi con destrezza e a scaricare il loro carico tossico sui contribuenti della zona euro.

Tutte le stime originarie sui costi dall'austerità erano nettamente sbagliate. Le autorità dell'UE hanno sottostimato il moltiplicatore fiscale di un ordine di grandezza importante. Non era 0,5 come previsto, ma vicino a  2,0.

Hanno continuamente incolpato i greci di mancare gli obiettivi di deficit, quando la causa principale di queste violazioni era la stessa ferocia della stretta fiscale: bruciante, pro-ciclica e controproducente (imposta senza prevedere un anestetico di tipo monetario), che ha causato il crollo delle entrate fiscali.

Hanno accusato le autorità greche di non riuscire a privatizzare abbastanza velocemente quando era in realtà impossibile vendere qualunque cosa mentre il mercato di  asset e proprietà era in pieno crollo, soprattutto in un momento in cui i politici in Olanda, Finlandia, Austria e Germania parlavano apertamente di espellere la Grecia dall’euro, aggiungendo quindi il rischio valutario a tutto il resto.

Penso che la Grecia avrebbe recuperato molto più rapidamente, con meno danni economici e senza rovinare la metà di una generazione, se avesse lasciato l’euro immediatamente e adottato un classico pacchetto di misure del FMI. Ma non è possibile provarlo. Non lo sapremo mai.

Sarebbe un miracolo se la saga squallida e crudele non lasciasse un sapore molto amaro nella bocca del popolo greco, o se si concludesse alle condizioni politiche imposte dal blocco creditore dei Paesi del Nord Europa nei prossimi cinque anni.

La Grecia è sopravvissuta al suo calvario senza rivoluzioni o guerre civili. Se questo è sufficiente a considerarla una rivincita della strategia europea per la crisi del debito e per l’intero progetto europeo, ci si accontenta proprio di poco.

Articolo scritto da Ambrose Evans Protchard per The Telegraph e tradotto da Voci dall'Estero - che ringraziamo.


THE TELEGRAPH: ''LA TROIKA UE-BCE-FMI E' UN FALLIMENTO EPICO CHE VERRA' STUDIATO NELLE SCUOLE NEGLI ANNI A VENIRE''


Cerca tra gli articoli che parlano di:

Evans Pritchard   Telegraph   politiche economiche   Troika   UE   BCE   FMI   Grecia    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
SONDAGGIO DELLA UE SUL ''GRADIMENTO'' DELL'EURO: IN ITALIA E' AL MINIMO, IL 45% NON LO VUOLE PIU' (IN LITUANIA IL 51%)

SONDAGGIO DELLA UE SUL ''GRADIMENTO'' DELL'EURO: IN ITALIA E' AL MINIMO, IL 45% NON LO VUOLE PIU'

lunedì 9 dicembre 2019
LONDRA - Ogni anno l'Unione Europea fa un sondaggio per vedere quanto e' popolare la moneta unica e quest'anno il risultato e' piuttosto sorprendente. A prima vista le 17mila e 500 persone
Continua
 
EUROBUROCRATI UE HANNO SENTENZIATO: PARMIGIANO SALAME SAN DANIELE MOZZARELLA EXTRAVERGINE FANNO MALE COCA COLA FA BENE

EUROBUROCRATI UE HANNO SENTENZIATO: PARMIGIANO SALAME SAN DANIELE MOZZARELLA EXTRAVERGINE FANNO

giovedì 5 dicembre 2019
La Coca-Cola avrebbe effetti devastanti sul nostro organismo, a dirlo è l’ex farmacista inglese Niraj Naik sul suo blog. “Dopo aver visto così tante persone che soffrono di
Continua
ECONOMISTI TEDESCHI ELOGIANO LA GRAN BRETAGNA ''SENZA EURO HA EVITATO LA CRISI'' E SCHIANTANO IL SUPERSTATO UE ''NON SERVE''

ECONOMISTI TEDESCHI ELOGIANO LA GRAN BRETAGNA ''SENZA EURO HA EVITATO LA CRISI'' E SCHIANTANO IL

lunedì 2 dicembre 2019
LONDRA - "La decisione della Gran Bretagna di rimanere fuori dall'euro e' la miglior decisione che il governo britannico potesse prendere". Effettivamente sono un folle potrebbe pensarla
Continua
 
FRANCIA IN RIVOLTA CONTRO IL GOVERNO MACRON: CONTADINI E AGRICOLTORI INVADONO PARIGI E LE PRINCIPALI CITTA' CON TRATTORI

FRANCIA IN RIVOLTA CONTRO IL GOVERNO MACRON: CONTADINI E AGRICOLTORI INVADONO PARIGI E LE

mercoledì 27 novembre 2019
PARIGI - Macron travolto dai trattori, oggi a Parigi. In senso metaforico, per ora.  Trattori sulla Periferique e sugli Champs Elysees. Oltre 1000 macchine agricole, secondo i dati del ministero
Continua
CORTE DEI CONTI UE BOCCIA IL BILANCIO DELL'AGENZIA UE PER ''LO SVILUPPO DEL SISTEMA DI DISTRIBUZIONE MIGRANTI NELLA UE''

CORTE DEI CONTI UE BOCCIA IL BILANCIO DELL'AGENZIA UE PER ''LO SVILUPPO DEL SISTEMA DI

lunedì 25 novembre 2019
LONDRA - E' abbastanza risaputo che l'Unione Europea spreca i soldi che estorce ai contribuenti e non deve sorprendere se si scopre che molte delle sue agenzie sono gestite in modo poco
Continua
 
IL QUOTIDIANO TEDESCO DIE WELT ACCUSA LA COMMISSIONE UE: APPOGGIA IL GOVERNO PD-M5S NONOSTANTE I CONTI CATASTROFICI

IL QUOTIDIANO TEDESCO DIE WELT ACCUSA LA COMMISSIONE UE: APPOGGIA IL GOVERNO PD-M5S NONOSTANTE I

giovedì 21 novembre 2019
Due pesi e due misure con l'Italia, a seconda di chi c'è al governo. A scriverlo non è la stampa "sovranista" ma un quotidiano autorevole e ferreo conservatore tedesco.  "Nei
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
SONDAGGI /  MARINE LE PEN IN TESTA IN FRANCIA, EUROSCETTICI IN TESTA IN TUTTA EUROPA: LE OLIGARCHIE ORA HANNO PAURA.

SONDAGGI / MARINE LE PEN IN TESTA IN FRANCIA, EUROSCETTICI IN TESTA IN TUTTA EUROPA: LE OLIGARCHIE
Continua

 
SAVE THE CHLDREN DENUNCIA: ''NELL'EUROPA DELL'EURO IL 28% DEI MINORI E' IN CONDIZIONI PRECARIE E SENZA FUTURO''

SAVE THE CHLDREN DENUNCIA: ''NELL'EUROPA DELL'EURO IL 28% DEI MINORI E' IN CONDIZIONI PRECARIE E
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!

SONDAGGI IN GRAN BRETAGNA CONCORDANO: TORY IN AMPIO VANTAGGIO,

9 dicembre - LONDRA - Tutti i principali quotidiani pubblicano sondaggi sul voto di
Continua

GENTILONI: ''PER IL 2020 NON E' PREVEDIBILE CHE IL PIL

9 dicembre - In Eurozona ''non ci sono al momento attendibili previsioni sulla
Continua

LA FRANCIA IN RIVOLTA CONTRO MACRON E LA SUA LEGGE SULLE PENSIONI

5 dicembre - Sono 250 mila i manifestanti scesi in piazza contro la riforma delle
Continua

SPREAD DECOLLA, GLI SPECULATORI SI SONO STUFATI DEL GOVERNO CONTE

5 dicembre - Chiusura in netto allargamento per lo spread tra BTp e Bund sul mercato
Continua

BORGHI INCHIODA IL MINISTRO BELLACIAO GUALTIERI

5 dicembre - Il parlamentare leghista Claudio Borghi insiste e, su twitter, si
Continua

GIORGIA MELONI: LA PRESCRIZIONE TEMA PIU' INSIDIOSO DEL MES, PER

5 dicembre - ''Il tema della prescrizione mi sembra piu' insidioso per il governo
Continua

TUTTA LA FRANCIA IN SCIOPERO CONTRO MACRON: LE PENSIONI NON SI

5 dicembre - PARIGI - La Francia si ferma per protesta contro la ventilata riforma
Continua

UNIONE BANCARIA? MANCO PER IDEA. CENTENO SMENTISCE: ''NON L'ABBIAMO

5 dicembre - BRUXELLES - Come volevasi dimostrare, l'unione bancaria che
Continua

SONDAGGIO:55% NON HA FIDUCIA NEL GOVERNO 53% PER ELEZIONI SALVINI

5 dicembre - Secondo un sondaggio Emg Acqua presentato oggi ad ''Agora''' su Rai3, il
Continua

DUE AFRICANI DEI BARCONI ARRESTATI PER RAPINA IN STRADA A UN

4 dicembre - Con l'accusa di rapina in concorso i carabinieri hanno arrestato a
Continua

4 dicembre - Il gruppo di Forza Italia alla Camera perde un deputato: Antonino
Continua

RENZIANI: SULLA RIFORMA DELLA GIUSTIZIA DI M5S VOTEREMO CON LE

4 dicembre - ''L'idea perversa di processi eterni con noi non passerà : se il tema
Continua

SONDAGGIO: LA LEGA CRESCE E ARRIVA AL 33,8% SALE FDI AL 10% FORZA

3 dicembre - La Lega di Matteo Salvini torna a crescere dopo una battuta di arresto
Continua

ECONFIN SMENTISCE CONTE: ''ACCORDO SUL MES FATTO A GIUGNO''.

2 dicembre - PARIGI - Se il governo Conte sperava - come scrive oggi Repubblica - in
Continua

M5S: SUL MES IL PARLAMENTO DEVE AVERE L'ULTIMA PAROLA E SARA' TRA

2 dicembre - La riforma del Mes va ''discussa nel merito'' e ''solo al termine del
Continua

LEGA: 19 GIUGNO IL PARLAMENTO HA POSTO IL VETO AL MES. CONTE HA

2 dicembre - ''Dimostri di avere a cuore la Costituzione. Vada dal Presidente
Continua

IL PD IN REGIONE TOSCANA NEGA L'AUDITORIUM PER PRESENTAZIONE LIBRO

28 novembre - FIRENZE - ''Negato, in modo per noi inspiegabile, l'utilizzo
Continua

LEADER DELLA PROTESTA DI HONG KONG CONTRO LA DITTATURA CINESE:

28 novembre - ''Sono rimasto piuttosto deluso nel leggere le dichiarazioni
Continua

SALVINI: SUL MES SI DEVE ESPRIMERE IL PARLAMENTO SETTIMANA PROSSIMA!

28 novembre - ''Si torna in Parlamento la settimana prossima, altro che dopo la
Continua

M5S HA IL CANDIDATO ALLE REGIONALI DELLA CALABRIA: E' IL PROF.

28 novembre - CATANZARO - ''Dopo un'attenta riflessione e con la consapevolezza di
Continua
Precedenti »